sabato 03 dicembre | 06:27
pubblicato il 26/ago/2015 12:51

Prodi: un tavolo con Pechino o il mondo rischia

"L'economia cinese fatica a spostarsi sui consumi interni"

Prodi: un tavolo con Pechino o il mondo rischia

Roma, 26 ago. (askanews) - "Se non c'è una risposta economica coordinata si rischia una deflazione globale. La crisi del 2008 è stata provocata dagli Stati Uniti, la prossima potrebbe venire dalla Cina. Noi europei non siamo nemmeno capaci di provocare le crisi. Ci limitiamo a subirle e a prolungarle facendoci del male da soli". E' quanto afferma l'ex premier Romano Prodi, in una lunga intervista sulla crisi cinese, al "Messaggero".

Prodi ha spiegato di non soffermarsi sugli andamenti borsistici, dove un crollo è spiegabile anche alla luce del fatto che il mercato cinese era cresciuto del 150% nel giro di un anno. "Il problema - ha invece osservato - è che il passaggio da un'economia basata su export e investimenti ad una alimentata dai consumi interni si sta rivelando più complicato del previsto".

Poi ci sono gli aspetti politici, a cominciare dalle conseguenze della lotta alla corruzione "che ha creato tensioni anche perche questa e molto diffusa". "Ieri e stato anche annunciato un grande intervento di politica monetaria, una sorta di quantitative easing, che sembra avere tranquillizzato i mercati internazionali - ha aggiunto -. Restano da fare tutte le grandi cose per le quali servirà però più tempo: risanare i bilanci delle imprese pubbliche e delle province, riformare il sistema bancario, regolare la bolla immobiliare. Certo difficilmente si riuscirà a mantenere la crescita del 7 per cento di cui si e parlato".

Prodi auspica quindi "una conferenza mondiale, chiamiamola nuova Bretton Woods o come ci pare. Sicuramente e desiderabile, ma non credo sia realistica, probabile. Le tensioni con la Russia compliocano tutto. Non mi pare che l'Europa sia in grado di organizzarla, non so se gli Stati Uniti la vogliano davvero".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari