sabato 25 febbraio | 23:41
pubblicato il 04/mar/2016 19:05

Prodi: intervento in Libia? Guerra è ultima cosa da fare

"Chiunque vada è nemico del popolo"

Prodi: intervento in Libia? Guerra è ultima cosa da fare

Genova (askanews) - "Mi fa molto piacere che siano liberi. Certamente chi li ha rilasciati ha capito che era necessario avere un momento di sollievo, di rilassamento delle tensioni. Più di questo non so dire. E' difficile farmi un'idea

non avendo le informazioni interne. Potrebbe essere stato semplicemente il calcolo che non si doveva andare troppo oltre". Lo ha detto Romano Prodi a Genova commentando la liberazione dei due ostaggi italiani in Libia a margine di un dibattito organizzato nell'ambito della terza edizione del festival della rivista di geopolitica Limes.

"Il problema della Libia va ben oltre il problema dei rapiti. E' un paese in totale dissoluzione. La guerra è l'ultima cosa da fare; o c'è una vera unità che ti chiama, e allora puoi andare a costruire lo stato e fare la pace, oppure chiunque vada è nemico del popolo, per questo l'Italia non più permettersi una guerra" ha concluso Prodi.

Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech