lunedì 23 gennaio | 11:41
pubblicato il 19/set/2014 15:17

*Procuratore Genova: Renzi padre?"nessuna giustizia a orologeria"

"Tempi atti di indagine sono quelli dettati dalla procedura" (ASCA) - Genova, 19 set 2014 - "Non mi danno fastidio le accuse di una giustizia ad orologeria, semplicemente perche' sono assolutamente false". Lo ha detto il procuratore capo di Genova, Michele Di Lecce, parlando con i giornalisti dell'indagine che ha coinvolto Tiziano Renzi, padre del presidente del Consiglio. "I tempi -ha spiegato Di Lecce- sono stati quelli dettati dalla procedura: dalla sentenza di fallimento, all'iscrizione nel registro degli indagati, alla richiesta di proroga. I tempi futuri saranno dettati dalle indagini". Il procuratore capo di Genova ha infine commentato alcuni articoli di stampa, secondo cui i magistrati terrebbero sotto scacco il premier: "Io -ha affermato- non tengo in ostaggio nessuno".

Fos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4