martedì 28 febbraio | 04:32
pubblicato il 12/apr/2011 05:10

Processo breve/ In aula alla Camera, riparte l'ostruzionismo

Pdl avverte deputati: pronti a battaglia fino a venerdì

Processo breve/ In aula alla Camera, riparte l'ostruzionismo

Roma, 12 apr. (askanews) - I volti, i nomi, i numeri della 'giustizia negata': sarà questa l'arma che oggi e domani i deputati del Pd utilizzeranno nell'aula della Camera per rilanciare l'allarme "amnistia" contenuto nella risoluzione votata la settimana scorsa dal Csm e mettere pubblicamente in imbarazzo la maggioranza e il Governo durante le votazioni sul processo breve che introduce la prescrizione abbreviata per gli incensurati. L'esame del provvedimento riprende oggi alle 15 ed è prevista una seduta notturna fino a mezzanotte. Il voto finale, dovrebbe arrivare mercoledì, ma il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto ha scritto ai suoi avvertendoli di tenersi liberi fino a venerdì perché mancando l'intesa con l'opposizione il calendario non è vincolante. L'ostruzionismo continuerà e il ministro della Giustizia Angelino Alfano, finora silente sui banchi del Governo, sarà sempre nel mirino dell'opposizione. Al Pd giurano che Roberto Giachetti sta studiando anche gli spazi bianchi tra le righe del regolamento per trovare nuove strategie di guerriglia parlamentare. "Ma loro sono 320", fa notare un parlamentare del terzo polo, "noi bene che vada 300. Certo, se fanno qualche sciocchezza...". Il mandato che i parlamentari di centrodestra hanno ricevuto dal presidente del Consiglio e dalla odierna lettera di Cicchitto è quello di non rispondere alle provocazioni: prima Ignazio La Russa e poi Massimo Corsaro, a turno protagonisti della bagarre alla Camera, hanno dovuto subire le reprimende del presidente del Consiglio. Silvio Berlusconi ha raccomandato silenzio e profilo basso a tutti i suoi, racconta chi ci ha parlato, in modo da incassare al più presto e con meno clamore possibile il risultato dell'approvazione della nuova legge (che dovrà ripassare dal Senato prima di poter dispiegare i suoi effetti, a partire dal processo Mills nel quale il premier è imputato per corruzione).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech