martedì 28 febbraio | 15:29
pubblicato il 05/apr/2011 20:30

Processo breve/ Domani in Aula Camera. Csm forse rinvia censura

Togati riscrivono risoluzione su taglio prescrizione

Processo breve/ Domani in Aula Camera. Csm forse rinvia censura

Roma, 5 apr. (askanews) - Dopo lo scontato ok alla legge sui piccoli comuni, che dovrebbe arrivare entro stasera, domani l'aula della Camera dovrebbe avviare, probabilmente nel pomeriggio, l'esame della proposta di legge sul processo breve, all'interno della quale è stata inserita la norma che accorcia la prescrizione per gli incensurati. Norma contestata dalle opposizioni come 'ad personam' per bloccare i processi di Silvio Berlusconi, ma sulla quale l'Anm sta preparando un dossier che ne documenti le ricadute su molti altri processi in corso. Per accelerare l'esame del processo breve, la maggioranza di centrodestra rispedirà in commissione Politiche Ue la Comunitaria 2010, anch'essa già incardinata nell'aula della Camera. Si tratta della legge che il relatore, il leghista Gianluca Pini, ha emendato inserendovi una norma che riforma radicalmente la responsabilità civile dei giudici. "Mi sento di escludere, comunque, che si arrivi all'approvazione questa settimana" del ddl sulla prescrizione breve, ha precisato il vicecapogruppo del Pdl alla Camera, Massimo Corsaro. Domani si riunisce anche il plenum del Consiglio superiore della magistratura, che ha all'ordine del giorno due questioni 'politiche': la proposta di decadenza per incompatibilità del consigliere 'laico' Matteo Brigandì (Lega nord) e una risoluzione di censura della prescrizione abbreviata in discussione alla Camera, presentata dal 'togato' Aniello Nappi, corrente Movimenti riuniti. Brigandì aveva preannunciato una memoria difensiva (è accusato di non aver comunicato al Consiglio la sua posizione di amministratore di una società della Lega, e di non avervi rinunciato nei tempi previsti) e per questo i consiglieri di centrodestra potrebbero chiedere un rinvio della decisione. Mentre sulla 'censura' alla prescrizione breve hanno già annunciato la loro totale contrarietà alle 'interferenze' con il Parlamento. Fra i togati si discute di una nuova formulazione della risoluzione: anche qui non è escluso che il centrodestra chieda almeno un rinvio, per non impattare con il dibattito in aula alla Camera.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech