giovedì 08 dicembre | 03:24
pubblicato il 25/feb/2014 11:27

Privacy: via libera Garante al casellario dell'assistenza sociale

(ASCA) - Roma, 25 feb 2014 - Via libera del Garante privacy sullo schema di decreto del Ministero del lavoro relativo alla costituzione presso l'Inps del Casellario dell'Assistenza, l'anagrafe generale delle posizioni assistenziali. Il parere positivo dell'Autorita' e' stato reso su una versione di decreto che ha accolto integralmente le osservazioni e i suggerimenti forniti dall'Ufficio del Garante in alcuni incontri e contatti informali con il Ministero. Le osservazioni, volte a perfezionare il testo sotto il profilo della protezione dei dati, hanno riguardato in particolare la selezione delle informazioni destinate a confluire nel casellario, l'individuazione dei soggetti che possono consultarle, le modalita' di raccolta e di anonimizzazione dei dati relativi ai minori in situazioni di disagio. Con la costituzione del Casellario si intende definire un quadro complessivo del settore dell'assistenza sociale al fine di gestire, programmare, monitorare la spesa, valutare l'efficienza degli interventi ed elaborare statistiche e studi. Per questi motivi le amministrazioni locali e ogni altro ente che eroga tali prestazioni dovranno mettere a disposizione del Casellario le informazioni previste dal decreto e l'Inps dovra' rendere disponibili le informazioni raccolte in forma individuale, ma prive di ogni riferimento che ne permetta il collegamento con gli interessati, al Ministero del lavoro, al Ministero dell'economia e delle finanze, alle Regioni, alle Province autonome e ai Comuni. Nella banca dati saranno raccolti, conservati e gestiti i dati personali e familiari dei beneficiari, le informazioni sugli enti eroganti e sulle prestazioni assegnate. Inoltre, in apposite sezioni separate, dedicate alla non autosufficienza, ai minori in condizioni di disagio e alla poverta', saranno trattate le informazioni sulla presa in carico da parte dei servizi sociali, in forma del tutto anonima nei casi piu' delicati. I dati direttamente identificativi saranno consultabili esclusivamente dagli enti locali, solo per le prestazioni da essi erogate, e dall'Inps, dalla Guardia di finanza e dall'Agenzia delle entrate per effettuare controlli sui beneficiari delle prestazioni sociali agevolate. Le modalita' attuative e le specifiche tecniche per l'acquisizione, la trasmissione e lo scambio delle informazioni tra le amministrazioni coinvolte e l'anonimizzazione dei dati, nonche' le misure di sicurezza, saranno definite dall'Inps con successivi decreti, sentito il parere del Garante.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni