sabato 03 dicembre | 15:15
pubblicato il 02/ago/2013 13:50

Privacy: via libera Garante a linee guida disaster recovery per le PA

Privacy: via libera Garante a linee guida disaster recovery per le PA

(ASCA) - Roma, 2 ago - Via libera del Garante privacy allo schema di ''Linee-guida per il Disaster Recovery delle pubbliche amministrazioni'' predisposto dall'Agenzia per l'Italia digitale (ex DigitPa). Nell'esprimere parere favorevole - si legge nella newsletter del Garante - l'Autorita' ha constatato che il testo accoglie, nella sostanza, le raccomandazioni e le condizioni per la messa in sicurezza dei dati fornite nel 2011, su una prima edizione di Linee guida. Anche riguardo agli aspetti piu' tecnologici il Garante non ha rilevato particolari criticita'. Come previsto dal Codice dell'amministrazione digitale (Cad), ogni pubblica amministrazione deve predisporre, e aggiornare periodicamente, il piano di disaster recovery, ossia l'insieme delle attivita' necessarie per ripristinare le funzionalita' di un sistema informatico nel suo complesso (strutture hardware, software e servizi di comunicazione), messo fuori uso da un evento improvviso che potrebbe comportare danni e perdite gravi per l'amministrazione. In tale ambito, l'Agenzia per l'Italia digitale, sentito il Garante, ha il compito di definire le Linee guida in cui sono indicate le soluzioni tecniche in grado di garantire la sicurezza dei dati e dei sistemi informatici. Ogni anno, inoltre, l'Agenzia deve verificare l'aggiornamento dei piani delle singole amministrazioni. Come richiesto dal Garante, le attuali Linee guida stabiliscono, in particolare, tempi definiti di conservazione dei backup commisurati al tipo di informazioni trattate, alla scadenza dei quali i dati devono essere cancellati. L'uso di tecniche di cifratura poi, non deve pregiudicare la disponibilita' delle informazioni in caso di necessita'. Le pubbliche amministrazioni, pertanto, devono assicurare la compatibilita' tecnologica dei supporti, dei formati di registrazione, degli strumenti crittografici e degli apparati di lettura per tutta la durata di conservazione del dato. Le Linee guida, recependo ancora le indicazioni dell'Autorita', introducono, infine, per il fornitore di eventuali servizi di cloud computing un obbligo particolarmente rilevante: quello di dichiarare, in sede contrattuale, l'esatta localizzazione geografica dei dati gestiti. Questo consentira' all'amministrazione di valutare se il paese in cui vengono trasferiti i dati appartenga all'Unione europea o assicuri comunque un livello di tutela dei dati personali adeguato ai sensi della normativa UE sulla protezione dei dati personali.

com-stt/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari