mercoledì 18 gennaio | 05:16
pubblicato il 27/set/2013 12:58

Privacy: Garanti del mondo varano piano per educazione digitale

(ASCA) - Roma, 27 set - I Garanti del mondo varano un piano per l'educazione digitale. Si e' conclusa ieri, con l'adozione di ben otto Risoluzioni, la 35ma Conferenza internazionale sulla privacy che ha visto riunite a Varsavia le Autorita' garanti per la protezione dei dati di tutto il mondo. Particolare interesse riveste la Risoluzione, sostenuta con forza dal Garante italiano, con la quale la Conferenza ha adottato un programma comune che impegna i governi a promuovere l'educazione digitale di tutti i cittadini, senza distinzione di eta', esperienza o ruolo rivestito. Il programma fissa cinque principi: assicurare una protezione particolare ai minori nel mondo digitale; garantire una formazione permanente sulla tecnologia digitale; raggiungere un giusto equilibrio tra opportunita' e rischi presenti nella tecnologia digitale; promuovere il rispetto degli utenti; diffondere un pensiero critico sull'uso delle nuove tecnologie. A sostegno di questi principi i Garanti dei diversi continenti hanno individuato anche quattro obiettivi operativi : promuovere, nell'ambito dei programmi di alfabetizzazione digitale, una educazione sulla privacy; giocare un ruolo nella ''formazione dei formatori'' in materia di protezione dei dati personali; sviluppare settori particolarmente innovativi, specialmente nel campo della ''privacy by design''; formulare raccomandazioni e buone pratiche sull'uso delle nuove tecnologie a favore di genitori, insegnanti, minori, aziende.

Le altre Risoluzioni hanno riguardato una serie di importanti questioni: la necessita' che imprese e governi assicurino la massima trasparenza nel trattamento dei dati dei cittadini; l'esigenza che l'attivita' di profilazione si basi su una preliminare valutazione di impatto-privacy, garantisca trasparenza agli interessati e ponga particolare attenzione alla tutela dei minori; l'attenzione da porre ai rischi legati piu' in generale al ricorso crescente al tracciamento della navigazione sul web (web tracking), che deve essere reso piu' trasparente ed ispirarsi ai principi detti di ''privacy by design''; l'obiettivo di pervenire ad un maggiore coordinamento tre le Autorita' per aumentare l'efficacia delle attivita' di enforcement; la necessita' di adottare un piano strategico di azione per il bienni 2014-2015 finalizzato innanzitutto alla creazione di una rete globale di regolatori; la necessita' di un accordo internazionale vincolante che salvaguardi i diritti umani attraverso un corretto equilibrio tra sicurezza, interessi economici e liberta' di espressione. La Conferenza ha anche adottato una dichiarazione sui rischi e le sfide posti dal crescente uso delle app tanto da permettere di parlare di una vera e propria ''appificazione'' della societa'.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa