venerdì 09 dicembre | 01:46
pubblicato il 09/apr/2014 11:42

Privacy: Garante, servono tutele per pagamento ticket sanita' alle Poste

(ASCA) - Roma, 9 apr 2014 - Un'azienda sanitaria dovra' innalzare i livelli di sicurezza a tutela dei cittadini che usano il suo sito Internet o la rete ''Sportello amico'' di Poste italiane per il pagamento del ticket sulle prestazioni sanitarie, introducendo modalita' che identifichino con certezza gli utenti. Dagli accertamenti svolti dall'Autorita' per la privacy, intervenuta su segnalazione di alcuni cittadini, ''sono emerse infatti serie criticita' sulle procedure adottate''. Ne' il servizio di pagamento offerto dall'azienda attraverso il proprio sito, ne' quello erogato tramite lo sportello postale ''garantisce che informazioni sulla salute, contenute nelle fatture rilasciate all'atto del pagamento, siano fornite esclusivamente al diretto interessato o una persona da lui delegata''. Il servizio on line, in particolare, consente a chiunque, in possesso del codice fiscale di una persona che abbia prenotato una prestazione sanitaria, di accedere a informazioni personali e, nel caso in cui paghi il ticket e stampi la ricevuta fiscale, di conoscere anche il tipo di prestazione sanitaria richiesta (ad es. visita chemioterapica, radioterapia ecc.).

Per sanare ''questa grave irregolarita''', il Garante ha prescritto all'Azienda di introdurre un sistema di identificazione, modificando la ''maschera'' di accesso al servizio di pagamento on line con l'introduzione di un apposito campo in cui l'utente possa inserire il suo codice fiscale e il codice di prenotazione Cup. Analogamente l'operatore di sportello della posta, a differenza di quanto accaduto finora, prima di erogare il servizio, dovra' verificare l'identita' di chi effettua il pagamento del ticket, controllando un documento di riconoscimento e annotandone gli estremi. E se allo sportello si presenta una persona diversa da chi usufruira' della prestazione, l'operatore dovra' consegnare la fattura in busta chiusa, o spillata, dopo aver verificato che il delegato sia in possesso del codice fiscale del diretto interessato e del codice di prenotazione rilasciato dal Cup.

All'Azienda sanitaria,'' cui spetta anche il compito di verificare che Poste italiane fornisca idonee istruzioni ai propri impiegati e di effettuare controlli a campione, sono stati concessi tre mesi di tempo per mettersi in regola''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni