martedì 21 febbraio | 15:39
pubblicato il 09/apr/2014 11:42

Privacy: Garante, servono tutele per pagamento ticket sanita' alle Poste

(ASCA) - Roma, 9 apr 2014 - Un'azienda sanitaria dovra' innalzare i livelli di sicurezza a tutela dei cittadini che usano il suo sito Internet o la rete ''Sportello amico'' di Poste italiane per il pagamento del ticket sulle prestazioni sanitarie, introducendo modalita' che identifichino con certezza gli utenti. Dagli accertamenti svolti dall'Autorita' per la privacy, intervenuta su segnalazione di alcuni cittadini, ''sono emerse infatti serie criticita' sulle procedure adottate''. Ne' il servizio di pagamento offerto dall'azienda attraverso il proprio sito, ne' quello erogato tramite lo sportello postale ''garantisce che informazioni sulla salute, contenute nelle fatture rilasciate all'atto del pagamento, siano fornite esclusivamente al diretto interessato o una persona da lui delegata''. Il servizio on line, in particolare, consente a chiunque, in possesso del codice fiscale di una persona che abbia prenotato una prestazione sanitaria, di accedere a informazioni personali e, nel caso in cui paghi il ticket e stampi la ricevuta fiscale, di conoscere anche il tipo di prestazione sanitaria richiesta (ad es. visita chemioterapica, radioterapia ecc.).

Per sanare ''questa grave irregolarita''', il Garante ha prescritto all'Azienda di introdurre un sistema di identificazione, modificando la ''maschera'' di accesso al servizio di pagamento on line con l'introduzione di un apposito campo in cui l'utente possa inserire il suo codice fiscale e il codice di prenotazione Cup. Analogamente l'operatore di sportello della posta, a differenza di quanto accaduto finora, prima di erogare il servizio, dovra' verificare l'identita' di chi effettua il pagamento del ticket, controllando un documento di riconoscimento e annotandone gli estremi. E se allo sportello si presenta una persona diversa da chi usufruira' della prestazione, l'operatore dovra' consegnare la fattura in busta chiusa, o spillata, dopo aver verificato che il delegato sia in possesso del codice fiscale del diretto interessato e del codice di prenotazione rilasciato dal Cup.

All'Azienda sanitaria,'' cui spetta anche il compito di verificare che Poste italiane fornisca idonee istruzioni ai propri impiegati e di effettuare controlli a campione, sono stati concessi tre mesi di tempo per mettersi in regola''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia