domenica 19 febbraio | 20:51
pubblicato il 31/gen/2015 12:05

Primo siciliano al Colle, l'attesa di Palermo per Mattarella

Con lui un'intera generazione di "rottamatori ante litteram"

Primo siciliano al Colle, l'attesa di Palermo per Mattarella

Palermo, 31 gen. (askanews) - Nel giorno in cui Sergio Mattarella potrebbe essere eletto, già al quarto scrutinio, dodicesimo Presidente della Repubblica italiana, cresce a Palermo l'attesa dei suoi concittadini per quello che sarebbe il primo siciliano a divenire "inquilino" del Quirinale.

Ai palermitani il nome dei Mattarella, ancor prima forse della tragica morte di Piersanti, ucciso dalla mafia il 6 gennaio 1980 quando ricopriva la carica di presidente della Regione, evoca immagini di sobrietà e pacatezza. Il 73enne Sergio Mattarella è, in un certo senso, l'incarnazione di quello spirito "siciliano d'altri tempi" che, schivo e riflessivo, non lesina, quando occorre, decise sferzate per affermare la propria forte personalità.

Democristiano da sempre, il vero amore del possibile nuovo Capo dello Stato è quello per il diritto: un binomio inscindibile che come prima tappa della sua brillante carriera giuridica lo portò, sul finire degli anni '70, alla cattedra di docente di Diritto parlamentare all'Università di Palermo.

Figlio di Bernardo Mattarella, Sottosegretario ai Trasporti e poi ministro dei governi De Gasperi, Sergio Mattarella fa parte di quella generazione di giovani democristiani "rottamatori ante litteram" di una classe politica ormai evidentemente superata.

Oltre a suo fratello Piersanti, presidente della "svolta" Dc, dello studio di Mattarella in via Libertà facevano parte i nomi di quella che, negli anni successivi, si sarebbe affermata come l'intelligentia palermitana in grado di legare a doppio filo la Sicilia alle dinamiche politiche nazionali.

Così, in quel "cerchio" trovavano posto l'attuale sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che con Mattarella fu tra i fautori di quella che passò alla storia come la "primavera" del capoluogo sicliano; il giovane Vito Riggio, che sarebbe diventato presidente dell'Enac; il sindacalista della Cisl ed ex viceministro dello Sviluppo Economico nel governo Prodi, Sergio D'Antoni; e ancora Carlo Vizzini, leader palermitano socialista capace di collezionare ben quattro ministeri in meno di 10 anni, dall'83 al '92.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Il Pd avvia il congresso, direzione per fissare percorso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia