mercoledì 18 gennaio | 09:41
pubblicato il 31/gen/2015 12:05

Primo siciliano al Colle, l'attesa di Palermo per Mattarella

Con lui un'intera generazione di "rottamatori ante litteram"

Primo siciliano al Colle, l'attesa di Palermo per Mattarella

Palermo, 31 gen. (askanews) - Nel giorno in cui Sergio Mattarella potrebbe essere eletto, già al quarto scrutinio, dodicesimo Presidente della Repubblica italiana, cresce a Palermo l'attesa dei suoi concittadini per quello che sarebbe il primo siciliano a divenire "inquilino" del Quirinale.

Ai palermitani il nome dei Mattarella, ancor prima forse della tragica morte di Piersanti, ucciso dalla mafia il 6 gennaio 1980 quando ricopriva la carica di presidente della Regione, evoca immagini di sobrietà e pacatezza. Il 73enne Sergio Mattarella è, in un certo senso, l'incarnazione di quello spirito "siciliano d'altri tempi" che, schivo e riflessivo, non lesina, quando occorre, decise sferzate per affermare la propria forte personalità.

Democristiano da sempre, il vero amore del possibile nuovo Capo dello Stato è quello per il diritto: un binomio inscindibile che come prima tappa della sua brillante carriera giuridica lo portò, sul finire degli anni '70, alla cattedra di docente di Diritto parlamentare all'Università di Palermo.

Figlio di Bernardo Mattarella, Sottosegretario ai Trasporti e poi ministro dei governi De Gasperi, Sergio Mattarella fa parte di quella generazione di giovani democristiani "rottamatori ante litteram" di una classe politica ormai evidentemente superata.

Oltre a suo fratello Piersanti, presidente della "svolta" Dc, dello studio di Mattarella in via Libertà facevano parte i nomi di quella che, negli anni successivi, si sarebbe affermata come l'intelligentia palermitana in grado di legare a doppio filo la Sicilia alle dinamiche politiche nazionali.

Così, in quel "cerchio" trovavano posto l'attuale sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che con Mattarella fu tra i fautori di quella che passò alla storia come la "primavera" del capoluogo sicliano; il giovane Vito Riggio, che sarebbe diventato presidente dell'Enac; il sindacalista della Cisl ed ex viceministro dello Sviluppo Economico nel governo Prodi, Sergio D'Antoni; e ancora Carlo Vizzini, leader palermitano socialista capace di collezionare ben quattro ministeri in meno di 10 anni, dall'83 al '92.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa