martedì 24 gennaio | 16:17
pubblicato il 29/apr/2014 12:00

Primo appello di familiari gesuita Dall'Oglio per liberazione

A nove mesi dal sequestro in Siria

Primo appello di familiari gesuita Dall'Oglio per liberazione

Roma, 29 apr. (askanews) - A nove mesi dal sequestro del gesuita italiano, padre Paolo Dall'Oglio, rapito in Siria il 29 luglio 2013, i familiari hanno formulato questo primo appello per la sua liberazione: "Chiediamo a chi lo detiene di dare a padre Paolo la possibilità di tornare alla sua libertà e ai suoi cari, e a tutte le istituzioni di continuare ad adoperarsi in tal senso". Attivo per 30 anni in Siria, il gesuita romano vi aveva fatto rientro il 28 luglio scorso per una missione umanitaria e il giorno dopo è stato rapito dai terroristi dell'ISIS, l' esercito islamico dell'Iraq e del Levante, sigla tenebrosa e ritenuta legato ad al-Qaida. Da allora nessuna notizia di lui, neanche una rivendicazione del sequestro. In questi mesi ci sono stati violentissimi combattimenti in tutta la zona di Raqqa, nel nord del Paese.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4