venerdì 09 dicembre | 06:45
pubblicato il 02/lug/2013 13:42

Primavera araba: Boldrini, racconto verita' e' sola via per la pace

Primavera araba: Boldrini, racconto verita' e' sola via per la pace

(ASCA) - Roma, 2 lug - ''La parola e il racconto, sia pur dolorosi, possono pero' contribuire a incamminarsi di nuovo verso il futuro. Cio' vale per gli individui, ma vale anche per le societa'. E' solo attraverso il racconto della verita' che una comunita' puo' trovare giustizia e pace, che una popolazione lacerata da un conflitto tra fratelli puo' sperare di giungere alla riconciliazione, premessa indispensabile per la costruzione di societa' democratiche''.

E' quanto dichiara la presidente della Camera, Laura Boldrini, intervenendo al convegno 'La verita' necessaria. I processi di riconciliazione nei paesi delle Primavere arabe', che si svolge a Montecitorio presso la Sala del Mappamondo.

''Scopo di questa iniziativa, dunque, e' andare oltre la mera denuncia di cio' che e' accaduto - e di cio' che in alcuni casi accade tuttora - nei Paesi che hanno vissuto la cosiddetta Primavere araba e che sono in transizione verso la democrazia o dove la guerra continua ancora oggi a mietere centinaia di vittime. I relatori, che da tali Paesi provengono o di cui sono attenti conoscitori, non si limiteranno a descrivere come il corpo - delle donne, in primis, ma anche degli uomini - possa essere utilizzato per umiliare chi si oppone ad un regime o chi rivendica il diritto di scendere in piazza per la democrazia e per il riconoscimento della liberta' e dei diritti delle donne. Oggi - sottiolinea Boldrini - si parlera' anche di come la verita' sia un potente mezzo per proteggere chi ha il coraggio di parlare, tutelando cosi' la singola vittima e, attraverso l'operato della giustizia, agendo per far si' che tali violenze non si ripetano piu' e che chi le ha commesse non rimanga impunito''.

"Lo stigma ed il silenzio che ne consegue perpetuano la vergogna provata da chi ha subi'to tali violenze. Il riconoscimento - pubblico ed ufficiale - delle vittime, invece, le rende figure eroiche, quali dovrebbero essere e di fatto sono. Oggi si parlera', tra l'altro, di una proposta di legge libica che intende equiparare le vittime delle violenze sessuali avvenute durante il conflitto del 2011, nonche' le vittime degli abusi perpetrati in maniera sistematica durante gli anni del regime di Gheddafi, alle vittime di guerra, risarcendole per quanto subito e fornendo loro assistenza.

Si tratta - puntualizza la presidente della Camera - di un'iniziativa che auspico venga approvata, cosi' da diventare anche un esempio a livello internazionale, dimostrando come - nonostante gli ostacoli, le difficolta' e le battute d'arresto - nei Paesi della Primavera araba si possa percorrere il cammino che conduce ad una riconciliazione vera, duratura e sostenibile''.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni