mercoledì 22 febbraio | 10:14
pubblicato il 09/nov/2012 20:47

Primarie Pdl/ Day after teso. Berlusconi irritato va in Kenya

Alfano blinda primarie. Meloni e Alemanno valutano corsa

Primarie Pdl/ Day after teso. Berlusconi irritato va in Kenya

Roma, 9 nov. (askanews) - C'è un nucleo del berlusconismo duro e puro. Sono i centurioni del Cavaliere. In queste ore turbolente si sono divisi i compiti. C'è chi battaglia per difendere in pubblico Silvio Berlusconi e chi agisce sottotraccia per organizzare nuovi progetti fuori dal Pdl. Tutti condividono un obiettivo: rendere possibile un eventuale smarcamento dell'ex premier dal Pdl. Sandro Bondi, paonazzo, ha sfidato ieri l'ufficio di presidenza del partito chiedendo a tutti un passo indietro in favore del Cav. Rocco Crimi, tesoriere e uomo macchina sempre attivo nella realizzazione dei progetti berlusconiani, ha rimesso nella mani di Silvio il mandato. Daniela Santanché ha chiesto al suo presidente di fare un passo avanti. Denis Verdini, infine, punto di raccordo tra Berlusconi e Alfano, resta comunque il più riservato depositario dei progetti politici più inconfessati del leader. E' il day after di un ufficio di Presidenza forse più drammatico di quello che provocò la scissione dei finiani. Angelino Alfano sceglie YouTube per annunciare alla Rete le primarie, strappate a fatica e con tenacia al leader del Pdl. E aggiunge: "Tra me e Berlusconi c'è lealtà, rispetto e affetto". I suoi colonnelli continuano a difenderlo, esaltando il significato delle consultazioni. Ma a dimostrare quanto è profondo il solco tracciato, c'è la nuova 'fuga africana' del Cavaliere. Appena terminato la riunione di Palazzo Grazioli, l'ex presidente del Consiglio non ha perso tempo ed è volato alla volta di Malindi. Nuovo viaggio in Kenya, nuova ostentazione di distacco dalla sua creatura politica. E tanta rabbia per un ritorno in patria che l'ha costretto a un ufficio di presidenza che, secondo alcune ricostruzioni, avrebbe valutato alla stregua di una "buffonata". Peggio, a una perdita di tempo utile solo a testare la fedeltà del suo gruppo dirigente. Sottotraccia molto continua a muoversi. Se i quarantenni schierati a difesa di Alfano continuano a coltivare il Pdl per non restare isolati di fronte a un eventuale 'spacchettamento', gli ex An oscillano tra ipotesi scissioniste e speranze alfaniane. Non è un mistero ormai per nessuno che Giorgia Meloni vorrebbe candidarsi alle primarie, ma è frenata dagli altri colonnelli di via della Scrofa. Anche Gianni Alemanno valuta la corsa e domenica potrebbe sciogliere la riserva.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%