domenica 26 febbraio | 21:09
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Primarie cs/ Bersani trionfa e pensa a governo. Renzi: Ho perso

Spoglio non terminato: Segretario al 61,1%, sindaco al 38,9%

Roma, 3 dic. (askanews) - Mancano ancora un migliaio di seggi (ne sono stati scrutinati 8169 su 9219) ma il risultato è netto: Pierluigi Bersani si aggiudica le primarie del centrosinistra con il 61,11% (1.544.953 voti) mentre Renzi si ferma al 38,99% (983.222), perdendo diverse migliaia di voti rispetto al primo turno. Bersani è il candidato premier e già guarda alla "battaglia": "Noi dobbiamo vincere senza raccontare favole", altrimenti "non si governa" ha spiegato il segretario parlando in notatta al teatro Capranica dove si erano riuniti insieme ai militanti tutti i big del partito. Il "problema numero uno è il lavoro" e poi "il distacco micidiale tra cittadini e istituzioni": "Dobbiamo prendere di petto questi problemi con il linguaggio della verità che è quello che il Paese aspetta". No, poi, all'uomo solo al comando "qui si governa con un popolo", "non bisogna agitarsi e intimorirsi ma essere tranquilli e forti". Bersani ha ringraziato Renzi per la sua "presenza forte e fresca" e per "il contributo che ha dato per dare senso a queste primarie, per farle vivere in modo vero". Il sindaco, da parte sua ha ammesso la sconfitta senza giri di parole: "Noi non eravamo qui per fare una battaglia di testimonianza eravamo, qui per prendere il governo del paese e non ce l'abbiamo fatta. Non sono riuscito a scrollarmi di dosso fuori dalla Toscana l'immagine di essere un ragazzotto ambizioso che vuole fare chissà che cosa". Guardando il flusso dei voti è stato il Sud a dare maggiori soddisfazioni a Bersani con percentuali di successo tutte sopra il 70% dei voti. Il record spetta alla Calabria dove il segretario è arrivato sempre intorno al 75% e a Vibo Valentia addirittura all'86% contro il 13,1% di Renzi. In Puglia ha pesato l'asse con Nichi Vendola: il segretario ha sfiorato il 71% con il sindaco fermo al 29%. Bene anche la Sardegna (73,42% contro il 26,58% di Renzi), la Basilicata (72,28%), la Sicilia (66,9 a 39,1%), la Campania (60,8 a 39,2%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech