venerdì 24 febbraio | 12:14
pubblicato il 12/gen/2015 09:13

Primarie centrosinistra Liguria, Paita vince ma Cofferati denuncia irregolarità

L'ex leader della Cgil: non riconosco il risultato

Primarie centrosinistra Liguria, Paita vince ma Cofferati denuncia irregolarità

Genova, 12 gen. (askanews) - La renziana Raffaella Paita, assessore regionale alle infrastrutture, ha vinto le primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione Liguria, battendo l'europarlamentare del Pd Sergio Cofferrati e il segretario regionale di Centro Democratico, Massimiliano Tovo ma divampano già le polemiche sulle "moltissime irregolarità" denunciate dall'ex segretario della Cgil, che ha dichiarato di non riconoscere il risultato e ha chiesto alla commissione di garanzia di esaminare tutte le segnalazioni ricevute, denunciando "il voto eterodiretto di intere comunità di stranieri" e parlando di un "possibile intervento" della magistratura.

"Ho vinto in 3 province su 4 con uno scarto enorme, adesso lavorerò per l'unità del Pd e per affrontare al meglio la sfida delle regionali, saranno anni rock", sono state le prime parole della vincitrice, che ha incassato il 53,1% dei consensi imponendosi nelle province di La Spezia, Savona e Imperia.

Cofferati, che ha conquistato solo Genova e la sua provincia, ha invece detto di non considerare "per nulla concluse queste primarie": "Prendo atto dei risultati ma - ha affermato l'ex sindaco di Bologna - non li riconosco: ci sono moltissime segnalazioni di irregolarità di varia natura. Per questo chiedo che la Commissione di garanzia esamini tutte le segnalazioni che le sono arrivate che riguardano la partecipazione impropria e inaccettabile del centrodestra e il voto eterodiretto di intere comunità straniere. Quando la commissione di garanzia avrà completato la verifica dei risultati e si sarà pronunciata sulle indicazioni di irregolarità - ha spiegato - avremo un quadro ultimativo che commenterò in maniera definitiva". "Il risultato è chiaro - ha replicato Paita - 4 mila voti di scarto sono una vittoria netta. Da domani dobbiamo metterci tutti assieme a ricostruire un clima di unità, di compattezza e di visione comune. Se ci sono cose da verificare - ha precisato l'assessore spezzino - si verifichino tutte ma ci sono 4 mila voti di scarto e 4 mila voti di scarto non possono essere oggetto di nessunissimo tipo di verifica perché è chiaro che è un risultato schiacciante. A Sergio - ha concluso - voglio dire che da subito dobbiamo lavorare insieme per le elezioni regionali".

Polemiche a parte, soddisfazione è stata espressa da entrambi i candidati per l'alta affluenza al voto: sono stati oltre 50 mila infatti i militanti e gli elettori del Pd e degli altri partiti del centrosinistra che si sono recati negli oltre 300 seggi allestiti su tutto il territorio regionale per scegliere il candidato presidente della coalizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech