sabato 21 gennaio | 19:28
pubblicato il 06/ott/2012 18:57

Primarie/ Bersani scongiura 'psicodramma', Renzi può correre

Il Sindaco: Ho fiducia nel Segretario, basta polemiche

Primarie/ Bersani scongiura 'psicodramma', Renzi può correre

Roma, 6 ott. (askanews) - Alla fine lo "psicodramma", per usare le parole di Rosy Bindi, non c'è stato. Anzi l'esito dell'assemblea nazionale sembra accontentare tutti. Bersani ha ottenuto l'ok alla modifica dello Statuto che permetterà a Renzi di candidarsi e un mandato pieno dai big del Pd. E Renzi si dice fiducioso nell'opera di mediazione del segretario sulle regole per le primarie. "Ho fiducia in Bersani, nom voglio fare polemiche", è stato il suo commento all'assemblea dal campero che lo ha tenuto tutto il giorno lontano dall'Ergife, in Puglia Ma anche i dirigenti democratici che avevano espresso le loro "oneste preoccupazioni" sembrano soddisfatti, sia quelli pro Renzi come Gentiloni che leggono nelle regole approvate oggi una maggiore apertura, sia quelli anti Renzi come gli ex popolari che invece sottolineano come in realtà il Documento approvato oggi sia lo stesso predisposto dalla commissione Statuto qualche giorno fa e che aveva fatto gridare Renzi al complotto. Insomma per oggi ognuno cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, in attesa del prossimo round. Si aprirà infatti successivamente il tavolo delle regole con gli alleati e allora si tornerà sicuramente a discutere di registrazione e albo, come di programma e alleanze, con Vendola ma anche con Casini. E a dimostrazione che la partita sia solo rinviata e per nulla chiusa si può notare come pochi minuti dopo la conclusione dell'assemblea già si è riaperta la polemica sull'iscrizione all'albo, oggetto di un emendamento bindiano poi ritirato con soddisfazione dei renziani: si può fare al primo e al secondo turno o solo al primo turno e in luoghi diversi o nello stesso? La questione ovviamente non è irrilevante se si tratta di coinvolgere il maggior numero di persone anche non militanti del Pd. Una nota dell'ufficio stampa, a fine lavori, si è sentita in dovere di precisare che "la platea degli elettori del centrosinistra si costruirà nei 21 giorni previsti, fino al giorno del primo voto, con meccanismi che distinguono il voto dalla registrazione" e che "solo in alcuni casi eccezionali ci si potrà iscrivere anche dopo il primo turno con modalità e procedure che dovranno essere precisate e regolamentate".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Terremoti
Gentiloni: di fronte a terremoto Paese sia unito, non rissoso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4