sabato 25 febbraio | 13:12
pubblicato il 19/gen/2015 21:28

Prima del Colle scontro Italicum,Renzi:minoranza Pd tenta golpe

Il premier dà appuntamento a Berlusconi prima dei senatori Dem

Prima del Colle scontro Italicum,Renzi:minoranza Pd tenta golpe

Roma, 19 gen. (askanews) - Ai senatori della minoranza Pd Matteo Renzi aveva dato 24 ore: un giorno per decidere se andare fino in fondo nell'opposizione all'Italicum o se rientrare nei ranghi e uniformarsi alle indicazioni del partito. Ne sono bastate molte meno per arrivare allo scontro finale: i 'ribelli' Pd, non ravvisando aperture di merito, confermano che fanno sul serio; i renziani rispondono con durezza: "Siamo al putsch, all'assalto finale per cercare di mettere in minoranza la maggioranza". Perchè sulla legge elettorale, ancora prima che sul Quirinale, si gioca la partita della legislatura. E forse anche per questo in serata esce la notizia: alle 9 di domani mattina ci sarà un nuovo incontro tra Renzi e Silvio Berlusconi. Incontro che era 'quotato' molto più a ridosso delle votazioni per il Colle.

Da palazzo Chigi rassicurano, giurano che "nessuno nel governo prende in considerazione l'ipotesi che, qualunque sia l'esito di questo braccio di ferro, possa accelerare il voto anticipato o dare un colpo al governo". Ma dalla segreteria Pd l'equazione è più netta: "Se l'Italicum fosse affossato si tornerebbe alla palude dell'aprile del 2013", dice il vice Lorenzo Guerini. Ovvero a quando la legge elettorale era il Porcellum sub iudice, quando i dubbi sulla capacità di rifrormarla erano diffusi, e quando il Parlamento fu costretto a chiedere il bis di Giorgio Napolitano stante l'incapacità di eleggere un successore sotto i colpi dei 101 franchi tiratori Dem. Insomma, spiegano fonti della segreteria Pd, si tornerebbe ad una delle stagioni peggiori della politica, buttando a mare il lavoro di quasi due anni.

Del resto, anche nel faccia a faccia con i senatori i toni di Renzi non erano stati proprio concilianti: la minoranza come "un partito nel partito", le alternative all'Italicum che si riducono al Consultellum, e 24 ore di tempo non tanto per modifiche nel merito, ma per convincere il maggior numero possibile dei dissidenti Pd a 'ravvedersi'. Anche per questo, dopo la conferenza stampa di Miguel Gotor che ha confermato come "almeno 30 senatori Dem" sono pronti a non votare l'Italicum, arrivano le bordate delle fonti più vicine a Renzi: "Il merito della legge elettorale non c'entra nulla: è in atto l'assalto finale, un putsch per mettere in minoranza la maggioranza", lo "showdown finale", un vero e proprio "golpe". Peraltro - viene fatto osservare - "la manina è quella di Gotor, idoeologo di Bersani eletto senza preferenze". Con una suggestione che i renziani non rinunciano ad evocare e che dimostra - se ce ne fosse bisogno - come si intreccino le partite dell'Italicum e del Quirinale: "E' significativo che l'emendamento di Gotor è il numero 101...", come i franchi tiratori che affossarono Prodi. Insomma, nella posizione di questo "spezzone di minoranza" i renziani non ravvisano "alcuna questione di merito, è una battaglia tutta politica, che si vuole condurre alla Lega di Salvini, a Grillo, a Sel, ai Formigoni e ai Minzolini. Il tutto per mandare giù Renzi: vogliono solo colpirci".

E la risposta si arricchisce in serata dell'appuntamento con Berlusconi: una segnale chiaro, secondo fonti parlamentari Pd, che sulle riforme la stella polare era è resta il Patto del Nazareno. Anche se in serata le dichiarazioni di Angelino Alfano all'uscita da Arcore non sono proprio rassicuranti: "Abbiamo deciso di unire le forze che si riferiscono al Ppe per condividere la scelta di un candidato alla presidenza della Repubblica di area moderata e non del Pd". Così come non rassicurano le parole di Pierluigi Bersani: "Renzi ascolti la minoranza, c'è gente libera. E non mangeremo la minestra preparata con la destra".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Aborto
Aborto, Bindi: bene Zingaretti, se Lorenzin non d'accordo lasci
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech