martedì 24 gennaio | 06:51
pubblicato il 16/mag/2011 12:00

Preti pedofili/S.Sede diffonde Lettera: prevenzione e formazione

Vaticano scrive a conferenze episcopali mondo con indicazioni

Preti pedofili/S.Sede diffonde Lettera: prevenzione e formazione

Città del Vaticano, 16 mag. (askanews) - L'attenzione prioritaria alle vittime di abusi sessuali commessi da membri del clero, i programmi di prevenzione, la formazione dei seminaristi e la formazione permanente del clero, la cooperazione con le autorità civili, l'attuazione attenta e rigorosa della normativa canonica più aggiornata in materia: c'è tutto questo nella "Lettera circolare" redatta dalla Congregazione per la Dottrina della fede, indirizzata alle Conferenze episcopali di tutto il mondo, presentata questa mattina in Vaticano, contenente le indicazioni e i suggerimenti per il trattamento dei casi di abuso sessuale nei confronti di minore da parte di chierici. Una lettera introduttiva del cardinale William Levada, prefetto dell'ex Sant'Uffizio, spiega il senso della missiva: ricordare le norme più restrittive stabilite da Benedetto XVI nel maggio 2010, e chiedere alle conferenze episcopali di tutto il mondo di redigere Linee guida specifiche per ciascun paese entro la fine di maggio 2012, per trattare i casi di abuso sessuale di minori da parte di membri dl clero, in modo adatto alle concrete situazioni nelle diverse regioni del mondo. "Con la Lettera circolare - afferma padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana - la Congregazione offre un'ampia serie di principi e indicazioni che non solo faciliteranno la formulazione delle Linee guida e quindi l'uniformità dei comportamenti delle autorità ecclesiastiche nelle varie nazioni, ma ne garantiranno anche la coerenza a livello di Chiesa universale, pur rispettando le competenze dei vescovi e dei superiori religiosi". Il 21 maggio 2010 era stato Benedetto XVI a promulgare una nuova versione del motu proprio con norme più restrittive su quelli che vengono definiti i "delicta graviora", ovvero i delitti considerati dalla Chiesa eccezionalmente gravi, come i casi di abusi sessuali commessi dal clero sui minori. "Al fine di facilitare la retta applicazione di dette norme e di altri aspetti relativi all'abuso di minori - scrive il cardinale Levada - sarebbe opportuno che ciascuna Conferenza episcopale prepari delle Linee Guida con l'intento di assistere i vescovi membri della medesima Conferenza nel seguire procedure chiare e coordinate quando si devono trattare i casi di abuso sessuale di minore". Per il cardinale statunitense Levada, le linee guida "dovrebbero prendere in considerazione le situazioni concrete delle giurisdizioni appartenenti alla Conferenza episcopale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4