martedì 21 febbraio | 09:21
pubblicato il 20/set/2014 14:14

Prestigiacomo: Codacons-Censis fotografano situazione desolante

"Renzi non si faccia condizionare dalla sinistra" (ASCA) - Roma, 20 set 2014 - La situazione del Paese e' "desolante", come dimostrano "i dati del Codacons e del Censis" e per questo Matteo Renzi non deve "farsi condizionare dalla sinistra ideologica". Lo dice Stefania Prestigiacomo di Fi: "I dati resi noti oggi dal Codacons e dal Censis fotografano una situazione del Paese triste e desolante: 80 miliardi di euro di consumi persi dal 2007 e un italiano su tre che teme di diventare povero certificano, piu' di ogni considerazione, che il malato Italia e' ancora lontano dalla guarigione. Il Governo non si faccia incastrare dai sindacati e dall'ala estremista del Pd in un giochetto ideologico e logorante. Occorre procedere spediti sulla strada delle riforme economiche, superando norme vetuste come l'articolo 18, per ridare respiro alle imprese e ai lavoratori.

Renzi non si faccia condizionare dalla sinistra ideologica e dia prova che e' capace di attuare un vero cambiamento nel Paese".

Pol/Adm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia