venerdì 20 gennaio | 19:39
pubblicato il 17/apr/2011 05:15

Premier contro la scuola pubblica, studenti di nuovo in piazza

Nuovo affondo di Berlusconi contro gli insegnanti di sinistra

Premier contro la scuola pubblica, studenti di nuovo in piazza

Padova, 17 apr. (askanews) - Nuovo attacco del premier agli insegnanti pubblici. I genitori, ha scritto Silvio Berlusconi in un messaggio all'Associazione nazionale delle mamme, possono scegliere "quale educazione dare ai loro figli e sottrarli a quegli insegnamenti di sinistra che nella scuola pubblica inculcano ideologie e valori diversi da quelli della famiglia". E gli studenti sono pronti a scendere di nuovo in piazza. Le dichiarazioni del premier di ieri hanno infatti dato nuovo impulso alle manifestazioni in programma il 19 aprile in oltre 50 città: "chiederemo risorse per il diritto allo studio, un vero welfare per scegliere i nostri percorsi di vita senza legami e il libero accesso alla cultura", ha detto Jacopo Lanza dell'Unione degli Studenti. Il messaggio di Berlusconi è arrivato in occasione della riunione dell'associazione, a Padova, a cui il premier ha voluto rivolgersi per sottolineare la vicinanza del suo governo alle esigenze delle madri italiane. "Poiché vantiamo una cultura che predilige l'amore e rifiuta l'invidia e l'odio cerchiamo di essere un governo amico delle donne e soprattutto delle mamme", ha fatto sapere Berlusconi elencando poi i provvedimenti che l'esecutivo ha elaborato a favore della famiglia. "L'abbiamo tutelata con i bonus bebé - ha rivendicato - il piano casa, gli affitti agevolati per le giovani coppie, la riduzione dei costi scolastici e il bonus per la scuola privata". Rivolgendosi poi alla donne Berlusconi ha rimarcato: "Siete più brave di noi uomini, a scuola, sul lavoro, siete più puntuali, più precise e più responsabili. Anche per questo ho voluto che nel nostro governo ci fossero ministri donne e mamme che sono attivissime e bravissime. Cara mamme - ha poi concluso - vi garantisco che il governo continuerà a lavorare con lo stesso entusiasmo e con lo stesso impegno per valorizzare il vostro ruolo nella famiglia nel mondo del lavoro e della società. Un bacio affettuoso - si è congedato il premier - a tutte voi con l'augurio che possiate realizzare tutti i progetti e i sogni che avete nella mente e nel cuore".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4