giovedì 19 gennaio | 18:19
pubblicato il 29/apr/2013 15:25

Preiti: Telefono Azzurro, intervista a figlio violazione Carta Treviso

(ASCA) - Modena, 29 aprile 2013 - Telefono Azzurro ''ha assistito con incredulita' e un senso di impotenza'' all'intervista fatta da alcuni giornalisti di diverse testate al figlio di 11 anni di Luigi Preiti, il protagonista della sparatoria avvenuta ieri di fronte a Palazzo Chigi. ''Piu' di 20 anni fa e precisamente il 5 ottobre 1990 - ricorda in una nota - e' stata firmata dalla Federazione Nazionale della Stampa, dall'Ordine dei giornalisti e da Telefono Azzurro stesso, la Carta di Treviso, un'intesa poi aggiornata nel corso degli anni che contiene una serie di norme che regolano la tutela dei minori nell'attivita' giornalistica e che trae ispirazione dai valori della nostra Carta costituzionale e dalla Convenzione dell'Onu sui diritti dei bambini ratificata dall'Italia e divenuta legge di Stato n. 176 del 27 maggio 1991. E' il primo documento di autoregolamentazione deontologica, steso con il supporto di Telefono Azzurro, che impegna di fatto i giornalisti a norme e comportamenti eticamente corretti nei confronti dei minori''. ''Nonostante il fatto di cronaca che ha visto protagonista Luigi Preiti sia riprovevole, estremamente drammatico e le sue conseguenze tragiche per tutte le persone coinvolte, Telefono Azzurro non puo' dimenticare l'impegno preso oltre 25 anni fa a tutela dei minori - commenta Ernesto Caffo, Neuropsichiatra infantile, Professore Ordinario dell'Universita' di Modena e Reggio Emilia e Presidente di SOS Il Telefono Azzurro ONLUS - per questo motivo riteniamo che con questa intervista al figlio di Luigi Preiti siano state violate la gran parte delle norme contenute nella Carta di Treviso stesa insieme ai piu' autorevoli organi competenti in tema di informazione. Vorremmo evitare che questo si ripeta sia nei confronti del figlio di Luigi Preiti sia di tutti gli altri minori coinvolti in fatti di cronaca e chiediamo quindi che si prendano provvedimenti in tal senso''. Telefono Azzurro ricorda che secondo quanto stabilito dalla Carta di Treviso, ''va garantito l'anonimato del minore coinvolto in fatti di cronaca, anche non aventi rilevanza penale, ma lesivi della sua personalita', come autore, vittima o teste; tale garanzia viene meno allorche' la pubblicazione sia tesa a dare positivo risalto a qualita' del minore e/o al contesto familiare e sociale in cui si sta formando; va altresi' evitata la pubblicazione di tutti gli elementi che possano con facilita' portare alla sua identificazione, quali le generalita' dei genitori, l'indirizzo dell'abitazione o della residenza, la scuola, la parrocchia o il sodalizio frequentati, e qualsiasi altra indicazione o elemento: foto e filmati televisivi non schermati, messaggi e immagini on-line che possano contribuire alla sua individuazione. Analogo comportamento deve essere osservato per episodi di pedofilia, abusi e reati di ogni genere; il bambino non va intervistato o impegnato in trasmissioni televisive e radiofoniche che possano lederne la dignita' o turbare il suo equilibrio psico-fisico, ne' va coinvolto in forme di comunicazioni lesive dell'armonico sviluppo della sua personalita', e cio' a prescindere dall'eventuale consenso dei genitori; nel caso di minori malati, feriti, svantaggiati o in difficolta' occorre porre particolare attenzione e sensibilita' nella diffusione delle immagini e delle vicende al fine di evitare che, in nome di un sentimento pietoso, si arrivi ad un sensazionalismo che finisce per divenire sfruttamento della persona; particolare attenzione andra' posta nei confronti di strumentalizzazioni che possano derivare da parte di adulti interessati a sfruttare, nel loro interesse, l'immagine, l'attivita' o la personalita' del minore''.

''Tutti i giornalisti - sottolinea - sono tenuti all'osservanza di tali regole''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale