venerdì 02 dicembre | 21:22
pubblicato il 18/mar/2014 14:33

Pompei: scompare affresco. Gasparri, ora si chieda scusa a Bondi

Pompei: scompare affresco. Gasparri, ora si chieda scusa a Bondi

(ASCA) - Roma, 18 mar 2014 - ''Ora siamo all'assurdo. Dopo i crolli, che sparisca un affresco da Pompei, rubato dalla Domus di Nettuno, e' incredibile. Purtroppo la notizia sta facendo il giro del mondo e ridicolizza un intero Paese.

Chiedero' che il governo riferisca in Aula immediatamente.

Purtroppo coloro che furono rapidi nel censurare il ministro Bondi, ora tacciono. Rinnovando la solidarieta' al ministro Franceschini, che mi auguro possa presto svolgere le sue funzioni con piena forza e salute, chiedo a tutti piu' umilta' e tante scuse a Sandro Bondi''. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI). Questa mattina i quotidiani Il Mattino e Il Messaggero hanno pubblicato la notizia della scomparsa di un affresco ampio circa 20 centimetri dalla Domus di Nettuno, denunciata circa una settimana fa dalla direttrice degli scavi. Stando ai primi rilievi l'affresco sarebbe stato stato staccato da mani esperte.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari