sabato 25 febbraio | 22:00
pubblicato il 26/gen/2011 14:40

Pompei/ Commissione: Ridestinare fondi Ue a siti archeologici

Proposta commissario Hahn, ma serve subito lista nuovi progetti

Pompei/ Commissione: Ridestinare fondi Ue a siti archeologici

Bruxelles, 26 gen. (askanews) - L'Ue darà denaro per il restauro di Pompei e di altri siti archeologici nel sud d'Italia, ma non si sa ancora quanto. La Commissione europea suggerisce di "riconfigurare il programma operativo esistente per gli aiuti comunitari allo sviluppo della cultura e del turismo nel Mezzogiorno d'Italia", in modo da "rifocalizzarlo" su progetti di restauro, riqualificazione e valorizzazione dei "siti archeologici e storici". Lo ha confermato oggi a Bruxelles il portavoce del commissario Ue alle Politiche regionali, Johannes Hahn, spiegando ai cronisti la proposta che già ieri sera lo stesso commissario aveva avanzato, durante un incontro a Roma con le autorità italiane. E' la risposta dell'Ue alla viva emozione suscitata in tutto il mondo dal crollo della 'Casa dei gladiatori' di Pompei. La Commissione, ha detto il portavoce, Ton van Lierop, si aopetta "prima della primavera" dalle autorità competenti italiane (il governo e la Regione Campania) una serie di "proposte concrete" sui progetti da finanziare, con una lista dei siti storici e archeologici che saranno interessati dagli interventi. Il programma operativo per i fondi Ue nel settore della cultura e del turismo nelle regioni del Sud Italia, per il periodo 2007-2013, dispone di una dotazione di 1 miliardo di euro, ha precisato van Lierop; ma solo la parte non ancora impegnata per progetti già in corso potrà essere 'riorientata', destinandola agli interventi sui siti archeologici. L'ammontare esatto di questa cifra per ora non è quantificabile, perché, ha detto il portavoce, "dobbiamo vedere le proposte concrete prima di decidere". I fondi Ue, in ogni caso, saranno erogati come cofinanziamenti al 50% per progetti che devono poter contare su investimenti statali e privati per l'altro 50%. Un cofinanziamento comunitario più alto (fino al 70%) è possibile, ma "dipenderà dai progetti specifici", ha spiegato il portavoce. Dal momento in cui riceverà la lista dei nuovi progetti, la Commissione potrà agire "rapidamente", ha detto ancora van Lierop. Mentre per modificare i grandi progetti del programma operativo è necessaria un'autorizzazione 'ex ante' da Bruxelles, i nuovi progetti che richiedono un finanziamento inferiore a 50 milioni di euro possono essere avviati immediatamente dalle autorità di gestione italiane, e ottenere in seguito i pagamenti dall'Ue. La Commissione, tuttavia, può chiedere di essere rimborsata se constata delle irregolarità o la non conformità dei progetti rispetto ai criteri stabiliti (come è successo per i 720.000 euro usati per il concerto di Elton John al festival di Piedigrotta, nel settembre 2009).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech