sabato 10 dicembre | 14:38
pubblicato il 02/dic/2013 14:10

Pompei: Bondi, oggi nessuno si indigna. Nessuno mi ha mai chiesto scusa

Pompei: Bondi, oggi nessuno si indigna. Nessuno mi ha mai chiesto scusa

(ASCA) - Roma, 2 dic - ''Quando nel novembre del 2010 crollo' un rifacimento in cemento armato nel sito archeologico di Pompei, il capo dello Stato espresse il proprio sdegno definendo quel crollo 'una vergogna per l'Italia' e aggiungendo di 'esigere spiegazioni immediate e senza ipocrisie'''. Lo ricorda il senatore Sandro Bondi, all'epoca ministro dei Beni cuturali.

''Da quella vibrante indignazione di Napolitano, parti' una barbara caccia all'uomo che si concluse con la presentazione di una mozione di sfiducia individuale, primi firmatari Bersani, Casini e Fini. Furono le prime prove della spallata al governo Berlusconi - aggiunge Bondi -.

Naturalmente, nessuno, tantomeno il Presidente della Repubblica, ha creduto di dire una sola parola in seguito agli innumerevoli crolli che si sono verificati dal 2010 ad oggi, gli ultimi in questi giorni, ne' - figuriamoci - di chiedere delle scuse''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina