domenica 04 dicembre | 23:55
pubblicato il 24/gen/2013 11:54

Pmi: accordo Confapi-Sace per favorire internazionalizzazione

(ASCA) - Roma, 24 gen - SACE e Confapi, Confederazione italiana della piccola e media industria privata, hanno finalizzato un accordo di collaborazione con l'obiettivo di favorire l'accesso delle Pmi alle soluzioni assicurativo-finanziarie sviluppate da SACE per rispondere alle difficolta' congiunturali e crescere in sicurezza sia in Italia che all'estero.

L'accordo - si legge in una nota -, firmato dal Presidente di SACE, Giovanni Castellaneta e dal Presidente di Confapi, Maurizio Casasco, prevede l'avvio di una serie di iniziative tecniche e commerciali congiunte per consentire alle oltre 120.000 Pmi manifatturiere associate a Confapi di orientarsi nell'offerta di SACE, avvantaggiarsi delle offerte dedicate per le PMI e scegliere gli strumenti piu' adatti alle proprie esigenze: dall'assicurazione contro i rischi di mancato pagamento alla protezione degli investimenti esteri, dalle cauzioni alle garanzie finanziarie per l'internazionalizzazione, ai servizi di factoring.

''La criticita' della congiuntura richiede un piu' forte dialogo con le imprese e azioni di risposta concertate - ha dichiarato Giovanni Castellaneta, Presidente di SACE -. La collaborazione con una realta' come Confapi e' un passo avanti sostanziale in questa direzione: ci avvicina ancora di piu' alle Pmi, spina dorsale del tessuto produttivo italiano, in un momento in cui SACE e' fortemente impegnata al loro fianco, in particolare con le offerte dedicate dell'iniziativa PMI NO STOP''.

PMI NO STOP e' l'iniziativa di SACE dedicata esclusivamente alle imprese di piccola e media dimensione, strutturalmente piu' esposte alle conseguenze della crisi.

Con PMI NO STOP, le imprese con fatturato inferiore a 50 milioni di euro o con meno di 250 dipendenti possono sostenere i propri piani di crescita contando su sei linee di prodotto, condizioni commerciali particolarmente vantaggiose e servizi di assistenza dedicati. Obiettivo: offrire alle Pmi un ''one stop shop'' con tutti gli strumenti piu' adatti per rispondere alle sfide poste dalla congiuntura avversa.

''La crisi economica non deve farci perdere di vista le opportunita' per il rilancio delle nostre aziende - ha affermato Maurizio Casasco, Presidente di Confapi -.

L'export, unitamente al credito, costituisce una priorita' per lo sviluppo, poiche' ogni azienda oggi e' chiamata a competere sui mercati mondiali, dato che il mercato italiano e' ormai quasi saturo. L'accordo con SACE si inserisce proprio in questa prospettiva di crescita, poiche' l'internazionalizzazione si e' sempre rivelata una strategia premiante, soprattutto per le Pmi''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari