mercoledì 22 febbraio | 15:40
pubblicato il 01/ott/2016 15:44

Pizzarotti ha deciso, lunedì dirà addio al Movimento 5 Stelle

"Cinque anni fa eravamo un pugno di giovani, ora molte cose cambiate"

Pizzarotti ha deciso, lunedì dirà addio al Movimento 5 Stelle

Parma, 1 ott. (askanews) - Poche ore ancora per l'annuncio ufficiale, che non arriverà prima di lunedì mattina, nel palazzo comunale. Ma la decisione per la scissione dal Movimento 5 stelle, Federico Pizzarotti l'ha già presa. Invano il sindaco di Parma ha aspettato di incontrare il direttorio per discutere della richiesta di espulsione per un'inchiesta sulle nomine al Teatro Regio (per la quale è stato completamente assolto). Così come invano ha atteso le scuse dai vertici del Movimento, Beppe Grillo in primis. Dopo la crisi della giunta di Roma e il segnale evidente che tra lui e Virginia Raggi si sono usati due pesi e due misure, Pizzarotti ha deciso di lasciare. Dallo staff confermano che la conferenza stampa annunciata per le 10,30 sarà "per parlare del futuro, per parlare di M5s" e sì, anche per parlare del suo addio.

Se Pizzarotti manterrà il silenzio stampa fino a lunedì, sulla sua bacheca Facebook sì è già lasciato sfuggire qualche ragionamento, che è il preludio per la chiusura definitiva con Grillo. "Cesena 2010, Woodstock 5 Stelle. Chi è arrivato dopo, salendo sul carro del vincitore, nemmeno sa cosa voleva dire essere del Movimento. Non lo sa ancora oggi", ha scritto il sindaco di Parma, facendo riferimento al primo maxi raduno di due giorni al parco di Cesena. "Sei anni fa eravamo un pugno di giovani con la voglia di provarci, con l'entusiasmo giusto per sognare un'Italia più bella, terra delle opportunità e non dei rimpianti - ha proseguito -. Oggi siamo diventati istituzioni, e con lo stesso entusiasmo raccontiamo ai nostri concittadini di un'Italia che può farcela. Oggi molte cose sono cambiate, molti di quelli che erano con noi allora oggi si sono arresi, mentre per altri i giochi di potere hanno sostituito i rapporti umani di un tempo".

L'ultimo tentativo di avere chiarimenti dal direttorio 5 stelle è stato fatto dai consiglieri del Movimento 5 stelle di Parma, che hanno fatto quadrato attorno al loro sindaco. A Formigine, nel modenese, durante una iniziativa con Luigi Di Maio alcune settimane, una rappresentanza dei consiglieri (assieme alla moglie di Pizzarotti) si sono presentati in piazza con i cartelli "108 giorni", quei 108 giorni di attesa dai vertici del Movimento per avere chiarimenti sulla richiesta di sospensione. Ha fatto prima la giustizia italiana che ha assolto completamente il sindaco dall'accusa di abuso d'ufficio per le nomine al Teatro Regio. Ma da Grillo, nemmeno in quella occasione, è arrivato alcun segnale di distensione.

Ai "giovani di oggi", Pizzarotti - su Fb - rivolge le ultime righe "con sincerità e col sorriso": "Non lasciate la politica ai politicanti, qualunque sia il colore della vostra maglia, partito o movimento, metteteci entusiasmo, passione e volontà, e facciamo la nostra parte per cambiare il nostro Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%