domenica 04 dicembre | 07:29
pubblicato il 30/giu/2014 18:59

Piemonte: s'insedia il nuovo consiglio regionale. M5S a bocca asciutta

(ASCA) - Torino, 30 giu 2014 - Prima seduta del nuovo consiglio regionale del Piemonte oggi pomeriggio, rinnovato in larghissima parte, dopo la vicenda dei rimborsi facili, che ha anticipato la fine della giunta Cota e dell'ultima legislatura. Nella seduta di insediamento e' stato eletto come presidente del consiglio Mauro Laus (Pd) che ha ottenuto 36 voti, 3 in piu' della maggioranza che sostiene il presidente Sergio Chiamparino.

Eletto anche l'ufficio di presidenza che non registra nessun esponente del Movimento Cinque stelle che per protesta oggi ha lasciato l'aula durante il discorso del presidente Laus. Sono stati eletti come vicepresidenti Nino Boeti (Pd) e Daniela Ruffino (Forza Italia) per la minoranza. Consiglieri segretari sono stati eletti Angela Motta (Pd), Gabriele Molinari (Scelta civica) e Alessandro Benvenuto (Lega). ''Comincio con emozione questo mio primo mandato, laddove nel 1975 cominciai la mia esperienza politico-amministrativa come coordinatore della programmazione economica nella giunta Viglione'', ha esordito Chiamparino in un intervento che e' sembrato essere diretto innanzitutto al Movimento Cinque Stelle che conta otto consiglieri, contro i due della passata legislatura, e ha trasformato la composizione dell'assemblea di Palazzo Lascaris da bipolare a tripolare. ''Non ho paura dello scontro e del conflitto politico - ha detto Chiamparino - che anzi, se rispettoso della sede istituzionale, puo' anche essere utile. Ma e' importante aprire una stagione politica nuova che superi la contrapposizione aprioristica.

Faro' il possbile perche' alla stagione della contrapposizione si sostituisca quella del confronto, del dialogo e dell'incontro''; perche', ha detto Chiamparino, bisogna evitare che ''il tripolarismo diventi la disarticolazione del quadro istituzionale''. ''Saro' vecchio - ha concluso - anzi sono vecchio, ma non usero' mai parole come inciucio come sinonimo di compromesso che ha la sua sintesi piu' alta nella Costituzione alla quale ancora ci ispiriamo''.

''Intendo difendere l'autonomia del Consiglio e favorire una piena cittadinanza e una riconosciuta dignita' a tutte le forze politiche presenti'', ha invece detto Laus che ha anche sottolineato nel suo intervento il tema della questione morale: ''Da noi deve partire l'attaccamento agli istituti democratici e l'esempio di onesta' e rettitudine, poiche' - richiamando l'affermazione dell'ex presidente della Repubblica, Sandro Pertini - la corruzione e' nemica della liberta'''. Laus ha aggiunto che fra le priorita' della nuova legislatura ''ci sono la riforma elettorale, le pari opportunita' e un miglioramento dell'efficacia dei lavori dell'Aula''.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari