giovedì 08 dicembre | 09:44
pubblicato il 04/feb/2014 17:50

Piemonte: polemica su vitalizi Consiglieri, Cota minaccia ritiro norma

Piemonte: polemica su vitalizi Consiglieri, Cota minaccia ritiro norma

(ASCA) - Torino, 4 feb 2014 - Ora Cota minaccia di far ritirare il provvedimento e di porre la fiducia: e' polemica in Piemonte sui vitalizi ai consiglieri regionali. Nei giorni scorsi con un emendamento alla finanziaria e' stata approvata in consiglio regionale la possibilita' di riscattare immediatamente e integralmente i contributi versati per la pensione rinunciando pero' all'assegno mensile. Una decisione presa dalla maggioranza di centrodestra, ma con alcune defezioni, come quella del consigliere dell'Ncd Daniele Cantore e di Mario Carossa capogruppo della Lega, mentre il Pd non ha partecipato al voto.

La decisione e' stata accolta con qualche perplessita' dallo stesso presidente della Regione Roberto Cota : ''Sulla norma che prevede per i consiglieri regionali la possibilita' di rinunciare al vitalizio, non staro' certo a farmi triturare dal teatrino mediatico. Ho gia' detto che giudico la presentazione dell'emendamento un errore dal punto di vista dell'opportunita', un favore per chi vuole strumentalizzare, e sono in tanti. Visto che non si parla mai del contenuto della norma e si fanno inutili schermaglie nei talk show, dico chiaramente che o mi dimostrano inoppugnabilmente i risparmi che da questa norma derivano o presentero' io stesso una proposta di legge abrogativa, ponendo la questione di fiducia''. E mentre il Movimento Cinque Stelle che ha gia' reso noto di voler rinunciare a vitalizi e a restituzione dei contributi, si e' rivolto al Tar chiedendo un giudizio di ottemperanza dopo la sentenza che ha annullato le elezioni consentendo secondo gli esperti soltanto gli atti indifferbili e urgenti il Pd punta a coinvolgere la presidenza del Consiglio e la Consulta.Il gruppo regionale ha inviato oggi una lettera, firmata dal capogruppo Aldo Reschigna, al presidente del Consiglio Enrico Letta chiedendogli di promuovere una questione di legittimita' costituzionale davanti alla Consulta sull'articolo della finanziaria 2014 in questione.Nella lettera si ricorda come, alla luce della sentenza del Tar sull'annullamento della proclamazione degli eletti, il Consiglio regionale ''assume prudenzialmente il ruolo di organo di amministrazione temporanea, limitatamente al compimento degli atti indifferibili e urgenti''.Reschigna sottolinea che, per quanto riguarda l'articolo di legge sui vitalizi, non c'e' indifferibilita', in quanto ''l'atto adottato non risponde ad alcune prescrizione di legge che ne richieda l'adozione entro termini temporali definiti''.Sull'urgenza nel salvaguardare un pubblico interesse, ''e' chiaro che viene al contrario perseguita una finalita' opposta''. ''E' del tutto ragionevole ipotizzare - e' scritto nella lettera - che l'interessato decida secondo il proprio interesse, massimizzando quindi la propria utilita' che in questo caso comporta automaticamente uno speculare onere in capo alla pubblica amministrazione. Paradossalmente l'urgenza del provvedimento sussiste, ma non nell'ottica dell'interesse pubblico, ma di quello privato di soggetti che intendono, magari a prezzo di qualche rinuncia, salvaguardarsi dagli effetti di future norme che ritengono - a torto o a ragione - essere di futura prossima approvazione''. Sul caso interviene anche il presidente del consiglio regionale Valerio Cattaneo, che ribadisce l'interesse della Regione al provvedimento grazie ai risparmi conseguiti. ''Sarebbe stato, ed e' preferibile, affrontare con una proposta organica il tema dei vitalizi, peraltro gia' aboliti dalla prossima legislatura.

Tuttavia, e' necessario precisare che una norma sul recupero dei contributi esisteva gia' e consentiva al consigliere con due o piu' legislature di usufruire del vitalizio e anche di ritirare una parte dei contributi versati. Oggi, invece, - spiega Cattaneo - con questo emendamento si introduce il  principio secondo il quale l'ex-consigliere deve scegliere tra il rimborso integrale dei contributi versati, non un centesimo di piu'', senza rivalutazione e senza interessi, oppure attendere il vitalizio, ma non puo' piu' avere entrambe le cose. Quindi, la norma oltre a rappresentare un elemento di chiarezza, costituisce un notevole risparmio per l'ente, in quanto i contributi  versati gia' ora sono sufficienti a coprire solo in minima parte la spesa dei vitalizi erogati, che sono destinati a crescere anche per l'aumento dell'aspettativa di vita''. Secondo Cattaneo un consigliere con una legislatura, con una aspettativa di vita di 18 anni oltre il compimento del 65esimo anno eta' necessaria per la 'pensione' dei consiglieri consente un risparmio di 553mia euro, e con tre legislature di 1,2 milioni di euro. ''Detto questo - conclude Cattaneo - ritengo indispensabile nell'immediato futuro che sia aperto il confronto per l'introduzione del contributo di solidarieta' per un triennio da parte degli ex consiglieri, con la riduzione di alcuni punti percentuali del vitalizio percepito e che, al piu' presto, sia approvata una norma per la piena trasparenza, che veda pubblicati sul sito web del Consiglio l'elenco e gli importi dei vitalizi percepiti, cosi' come avviene per le indennita' dei consiglieri in servizio''. eg/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni