domenica 22 gennaio | 17:26
pubblicato il 01/mar/2014 11:50

Piemonte: Cota su voto 2010, in paese normale non ci sarebbe discussione

(ASCA) - Torino, 1 mar 2014 - ''Ormai ho perso il filo, in questi anni si sono verificate vicissitudini che hanno dell'incredibile''. Lo ha affermato il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota, oggi a margine dell'inaugurazione del nuovo anno accademico del Tribunale Ecclesiastico piemontese, sul nuovo ricorso sulle regionali 2010 presentato da FdI che si discutera' il 18 marzo davanti al Consiglio di Stato. ''Noi non e' che abbiamo solo ragione, di piu'. Su tutto - ha aggiunto -. Non c'e' ne' un punto, ne' un aspetto dove in un Paese normale ci sarebbe discussione''.

eg/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4