venerdì 20 gennaio | 00:43
pubblicato il 17/feb/2014 12:39

Piemonte: Chiamparino, se vinco via finanziamenti regionali a partiti

Piemonte: Chiamparino, se vinco via finanziamenti regionali a partiti

(ASCA) - Roma, 17 feb 2014 - Abolire i finanziamenti regionali ai partiti. Sarebbe questo il primo atto politico di Sergio Chiamparino, candidato ''in pectore'' per il centrosinistra alle prossime elezioni regionali in Piemonte, dopo la decisione del Consiglio di stato sull'illegittimita' dell'attuale giunta guidata dal leghista, Roberto Cota. Lo ha dichiarato lui stesso ai microfoni di Radio Capital senza risparmiare considerazioni di carattere nazionale sul costituendo governo Renzi che ''deve presentare una squadra e un programma con i fiocchi'' per non venire penalizzato in termini di credibilita'.

''Come nelle aziende - ha spiegato Chiamparino - chi si deve muovere per la sua attivita' politica sara' rimborsato, non dal suo gruppo ma dall'ufficio del consiglio, per il resto basta l'indennita' che e' gia' alta. Come dimostra l'affluenza in Sardegna, con gli scandali si e' gia' persa cosi' tanta credibilita' nelle regioni, c'e' disillusione, spaesamento. Le istituzioni regionali hanno toccato il punto piu' basso, ora non si deve promettere ma fare''.

Interpellato sul suo precedente incarico di presidente della Compagnia di San Paolo, ''non sono andato a fare il banchiere'', ha chiarito Chiamparino sottolineando che ''appena c'e' stato un segnale dalla politica mi sono dimesso, al buio, prima della sentenza del Consiglio di Stato su Cota''. Sul fronte Renzi ''gli faccio i miei auguri e mi aspetto una squadra e un programma 'marca leon', come si dice in piemontese, coi fiocchi'', ha detto Chiamparino. ''Servono tempi rapidi - ha aggiunto - altrimenti il modo in cui e' avvenuta l'operazione potrebbe ritorcersi contro la sua credibilita'''. L'aspirante presidente piemontese ha quindi perecisato che ''la forza di un governo puo' venire o dal consenso elettorale o da un grande gioco di squadra, non c'e' il primo, serve il secondo''. Critico nei confronti di John Elkann e le sue frasi sui giovani disoccupati e svogliati - ''non l'avrei detto'' ha commentato Chiamparino - l'ex sindaco di Torino ha manifestato fiducia nella Fiat la quale ''non scappa: e' dovuta andare nel 2005 a cercare finanziamenti e li ha trovati negli Stati uniti e ora potrebbe ripartire anche in Italia. Come nel ciclismo pero', quando raggiungi il gruppetto di fuggitivi poi hai solo un chilometro per tirare il fiato senno' poi ti staccano di nuovo'', ha concluso l'esponente del Pd.

com-stt/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale