martedì 28 febbraio | 14:22
pubblicato il 07/giu/2014 14:53

Piemonte: Chiamparino presidente lunedi'. Pd vuole piu' ruolo in giunta

Piemonte: Chiamparino presidente lunedi'. Pd vuole piu' ruolo in giunta

(ASCA) - Torino, 7 giu 2014 - Passaggio di consegne probabilmente lunedi' prossimo tra Roberto Cota e Sergio Chiamparino, eletto presidente della Regione Piemonte dal voto di 15 giorni fa con oltre il 47% dei consensi. E' questione di ore infatti la notificazione dei verbali dell'esito elettorale da parte del tribunale di Torino.

Occorrera' invece qualche giorno in piu' per la proclamazione dei consiglieri eletti che si insedieranno a Palazzo Lascaris verso la fine del mese.

Nel frattempo Chiamparino ha gia' in gran parte delineato la sua nuova giunta, che sara' composta da 11 assessori di cui 4 donne.

Questa mattina si e' riunita la direzione regionale del Pd, che e' stato determinante nelle dimensioni del successo di Chiamparino, grazie all'effetto Renzi, e che ora chiede una rappresentanza piu' consistente in giunta, magari a scapito degli assessori tecnici, per i quali il neopresidente avrebbe previsto il massimo delle poltrone, tre. In particolare il Pd piemontese chiede una presenza di peso nel governo regionale di esponenti del partito torinese, di almeno un alessandrino, tagliato fuori dalle prime ipotesi di giunta, mentre e' stata accolta con qualche perplessita', l'ipotesi di mettere il presidente uscente della provincia di Torino, Antonio Saitta, all'assessorato alla Sanita' il piu' delicato e il piu' pesante in termini di budget regionale rappresentando circa l'80% del bilancio. Il segretario regionale Davide Gariglio ha sottolineato che il Pd rappresenta il ''75% della coalizione e c'e' un problema di ruolo e affermazione del Pd nella giunta'' ricordando che se il problema sono le competenze, il partito ''e' pieno di gente competente''.

Domani si svolgera' la segreteria regionale in cui si fara' la sintesi del dibattito di oggi, e lunedi', ma informalmente e' probabile gia' prima, ci sara' un incontro con il neopresidente a cui spettera' comunque l'ultima parola sulla lista. ''Tra noi nessuna logica di contrapposizione, non c'e' alcuna guerra fredda, nei confronti del nostro candidato presidente - ha ancora detto Gariglio a proposito di alcuni articoli di giornale - Chiamparino mi ha confermato che prendera' la tessera del Pd, anche perche' abbiamo bisogno della sua quota - ha aggiunto sorridendo ma non troppo -, ma c'e' una dialettica sana tra un partito che ha raccolto il 40% dei consensi e un candidato che e' arrivato al 47, ciascuno ha portato il suo, ciascuno deve fare il suo lavoro''. eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech