domenica 22 gennaio | 17:37
pubblicato il 08/lug/2014 17:57

Piemonte, Chiamparino, ci aspettano anni difficili... (2)

(ASCA) - Torino, 8 lug 2014 - Tra i temi toccati dal presidente della Regione innanzitutto la sanita' che rappresenta l'80% del bilancio regionale. E malgrado i timori dell'assessore competente, Antonio Saitta, Chiamparino rilancia il tema dell'investimento nella Citta' della Salute nell'area del Lingotto anche all'interno di un sistema di finanziamento pubblico-privato. ''Occorre un nuovo patto per la salute'', afferma Chiamparino aggiungendo che bisogna integrare la rete territoriale con gli ospedali, e che ''una efficiente rete di strutture di emergenza e un'adeguata continuita' assistenziale puo' consentire anche il mantenimento di presidi sul territorio, in grado di accogliere e i pazienti e le loro famiglie''. E' altrettanto importante procedere nella centralizzazione degli acquisti, dice ancora, coordinando il lavoro di Scr (Centrale di committenza regionale) con quello delle Asl di quadrante. Il presidente della Regione sottolinea la possibilita' di integrare pubblico e privato, ''a condizione che indirizzi e controlli pubblici siano puntuali e efficaci e che i privati concorrano al loro raggiungimento'' e ribadisce l'obiettivo di non appesantire il carico fiscale e se possibile ridurre i ticket.

Poi i trasporti. Indica il metodo Tav, anche per il Terzo Valico con l'istituzione di un Osservatorio con i comuni coinvolti, ma punta anche il dito contro le Ferrovie ricordando che la prossima revisione del contratto di servizio indica gia' a partire dal 2016 ''l'obbligo di consentire e agevolare l'ingresso di eventuali altri gestori.

Vogliamo ottenere un contratto di servizio - aggiunge Chiamparino - anche con RFI, corresponsabile con Trenitalia di ritardi e disservizi''.

Chiamparino ha osservato che attraverso le gare saranno possibili risparmi del 30% e che questi potranno essere reinvestiti nel miglioramento del servizio in termini di qualita' e di svluppo, compreso il ripristino di alcune tratte cancellate e che hanno sollevato molti malumori nelle province piemontesi. Per l'industria, e in particolare per la Fiat, affronta nuovamente il tema dell'opportunita' di produrre a Torino un motore ecosotenibile, ribadisce la rilevanza del territorio e della agricoltura, e nell'istruzione la volonta' di combattere la dispersione scolastica, ma anche di attirare studenti dal resto d'Italia e dall'estero. Affronta il tema della macchina regionale ricordando che verra' istituito un direttore generale ''per fare ordine nella nostra casa'' e soprattutto il garante della legalita' per appalti e trasparenza burocratica senza la quale puo' trovare terreno fertile la criminalita'. E a proposito di burocrazia, verranno lanciate le zone a ''Burocrazia zero''.

Un accenno infine all'Expo che oltre che un'opportunita' per il Piemonte, dovra' realizzarsi ''in modo buono, pulito e giusto'', termini che sembrano presi a prestito dal patron di Slow food Carlin Petrini.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4