domenica 11 dicembre | 11:23
pubblicato il 12/feb/2014 19:20

Piemonte: Bresso attacca spese legali Regione. Pichetto, studi di piu'

(ASCA) - Torino, 12 feb 2014 - Nuova polemica sul tema delle spese legali sostenute dalla Regione Piemonte nella lunga battaglia giudiziaria davanti ai tribunali amministrativi e alla Cassazione in relazione al voto 2010 annullato ieri in maniera definitiva dal Consiglio di stato. ''Qualcuno dovra' chiedere conto dei soldi spesi in giudizio dalla Regione Piemonte per difendere il presidente Cota - ha detto questo pomeriggio Mercedes Bresso durante una conferenza stampa -, perche' la regione come istituzione non e' interessata a chi vince, e' interessata a che si faccia giustizia e se c'e' stata un'irregolarita' e' interessata a che venga valutata e poi eventualmente sanata. E quindi - ha proseguito - l'istituzione dovrebbe essere neutra in questa vicenda. Al massimo - ha detto ancora Bresso - l'unica cosa che sarebbe potuta ammettersi in questa fase finale e' la richiesta di sospensiva legata all'ipotetica possibilita' di compiere atti indifferibili e urgenti, ma in tutto il resto un interesse specifico delle istituzione non c'era, c'era delle persone le quali possono pagarsi le proprie cause con i propri soldi''.

La replica del Vice Presidente Gilberto Pichetto Fratin (Fi) non si e' fatta attendere: ''Capisco che in queste ore la signora Bresso sia in preda all'euforia da giudizio universale, nonostante la sconfitta in termini politici che subi' nel 2010 e che, sempre ragionando politicamente, rimarra' tale a prescindere dalla giustizia amministrativa, ma le consiglio vivamente di studiare un po' di piu'.

Dovrebbe infatti sapere, soprattutto dopo essere stata Presidente di Regione nonche' a lungo professoressa universitaria, - prosegue Pichetto - che ''l'ente territoriale e' portatore dell'interesse alla conservazione dei propri organi nella composizione ad essi conferita dall'atto di proclamazione di eletti''. E questo non lo afferma il sottoscritto, bensi' lo stesso Consiglio di Stato, nella sentenza 1076 del 2006. La sua accusa di rendere conto delle nostre spese legali, insomma, e' istituzionalmente scorretta. Noi avevamo il dovere di ricorrere''.

eg/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina