domenica 22 gennaio | 04:42
pubblicato il 21/mag/2013 15:21

Piccoli Comuni: Federfarma, farmacie pronte a collaborare

(ASCA) - Roma, 21 mag - Le farmacie esprimono apprezzamento per la proposta di legge per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni. Le farmacie, infatti, condividono pienamente la volonta' di potenziare i servizi forniti ai 10 milioni di italiani che vivono nei comuni con meno di 5.000 abitanti, anche attraverso progetti di informatizzazione di tali comuni. Chiedono di essere coinvolte nel processo di sviluppo dei servizi sanitari nelle aree rurali, previsto dalla proposta di legge. In molti piccoli comuni la farmacia, infatti, e' l'unico presidio sanitario a disposizione della popolazione, indispensabile non solo per l'accesso al farmaco, ma anche per consigli e assistenza sulla salute in generale. ''Le farmacie - spiega Annarosa Racca, presidente di Federfarma - gia' oggi costituiscono un importante punto di riferimento, ma possono dare un contributo ancora piu' concreto al miglioramento della qualita' della vita delle persone, a costi contenuti e trasparenti. Questo puo' avvenire potenziando il ruolo della farmacia nella dispensazione di tutti i medicinali del SSN, favorendo cosi' il monitoraggio delle cure e l'adesione alle terapie da parte dei pazienti, con indubbi vantaggi in termini di tutela della salute, ma anche di risparmio per il SSN. Le farmacie possono anche fornire nuovi servizi di alta valenza socio-sanitaria, a cominciare dalle attivita' di prevenzione fino alla presa in carico dei pazienti e alla partecipazione, in sinergia con le altre strutture sanitarie territoriali, a programmi di assistenza domiciliare''.

''Servizi di questo tipo, utilissimi nelle grandi citta', diventano indispensabili nei piccoli centri, dove la farmacia e' l'unico presidio sanitario sempre accessibile'' dichiara Alfredo Orlandi, presidente di Federfarma-Sunifar (farmacie rurali). ''Le farmacie rurali devono essere messe nelle condizioni di operare in modo efficace ed economicamente sostenibile. Piu' della meta' degli oltre 8.000 comuni italiani ha meno di 3.000 abitanti e in tutti questi comuni la farmacia c'e', ed e' una presenza fondamentale per la popolazione. In questi centri sono rimasti soprattutto anziani che hanno difficolta' a muoversi: arrivare alla ASL del capoluogo puo' essere un'impresa veramente ardua, in cui bisogna per forza coinvolgere qualcun altro, spesso facendogli perdere ore di lavoro. E gli spostamento costano tempo e denaro''.

Con questo spirito le farmacie hanno aderito anche quest'anno alla manifestazione Voler Bene all'Italia che, in questa X edizione, si svolgera' il 2 giugno, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4