sabato 03 dicembre | 11:26
pubblicato il 21/mag/2013 15:21

Piccoli Comuni: Federfarma, farmacie pronte a collaborare

(ASCA) - Roma, 21 mag - Le farmacie esprimono apprezzamento per la proposta di legge per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni. Le farmacie, infatti, condividono pienamente la volonta' di potenziare i servizi forniti ai 10 milioni di italiani che vivono nei comuni con meno di 5.000 abitanti, anche attraverso progetti di informatizzazione di tali comuni. Chiedono di essere coinvolte nel processo di sviluppo dei servizi sanitari nelle aree rurali, previsto dalla proposta di legge. In molti piccoli comuni la farmacia, infatti, e' l'unico presidio sanitario a disposizione della popolazione, indispensabile non solo per l'accesso al farmaco, ma anche per consigli e assistenza sulla salute in generale. ''Le farmacie - spiega Annarosa Racca, presidente di Federfarma - gia' oggi costituiscono un importante punto di riferimento, ma possono dare un contributo ancora piu' concreto al miglioramento della qualita' della vita delle persone, a costi contenuti e trasparenti. Questo puo' avvenire potenziando il ruolo della farmacia nella dispensazione di tutti i medicinali del SSN, favorendo cosi' il monitoraggio delle cure e l'adesione alle terapie da parte dei pazienti, con indubbi vantaggi in termini di tutela della salute, ma anche di risparmio per il SSN. Le farmacie possono anche fornire nuovi servizi di alta valenza socio-sanitaria, a cominciare dalle attivita' di prevenzione fino alla presa in carico dei pazienti e alla partecipazione, in sinergia con le altre strutture sanitarie territoriali, a programmi di assistenza domiciliare''.

''Servizi di questo tipo, utilissimi nelle grandi citta', diventano indispensabili nei piccoli centri, dove la farmacia e' l'unico presidio sanitario sempre accessibile'' dichiara Alfredo Orlandi, presidente di Federfarma-Sunifar (farmacie rurali). ''Le farmacie rurali devono essere messe nelle condizioni di operare in modo efficace ed economicamente sostenibile. Piu' della meta' degli oltre 8.000 comuni italiani ha meno di 3.000 abitanti e in tutti questi comuni la farmacia c'e', ed e' una presenza fondamentale per la popolazione. In questi centri sono rimasti soprattutto anziani che hanno difficolta' a muoversi: arrivare alla ASL del capoluogo puo' essere un'impresa veramente ardua, in cui bisogna per forza coinvolgere qualcun altro, spesso facendogli perdere ore di lavoro. E gli spostamento costano tempo e denaro''.

Con questo spirito le farmacie hanno aderito anche quest'anno alla manifestazione Voler Bene all'Italia che, in questa X edizione, si svolgera' il 2 giugno, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari