lunedì 23 gennaio | 22:55
pubblicato il 23/ott/2013 16:19

Piccoli comuni: Anci, stop Patto stabilita'. Ddl fusioni 'inadeguato'

Piccoli comuni: Anci, stop Patto stabilita'. Ddl fusioni 'inadeguato'

(ASCA) - Firenze, 23 ott - I piccoli comuni italiani chiedono ''l'immediata cancellazione del Patto di stabilita' interno'' e sottolineano che ''nessuno puo' obbligarli a fondersi'', soprattutto in virtu' del recente Ddl Delrio su fusioni e unioni di comuni definito ''inadeguato''.

Lo ha detto - riferisce una nota - il presidente di Anci Toscana e sindaco di Livorno, Alessandro Cosimi, intervenendo in apertura della XIII conferenza nazionale Anci dei piccoli comuni, durante l'assemblea generale dell'Associazione nazionale comuni italiani in corso a Firenze.

''I piccoli comuni sono quelli maggiormente sofferenti, sono stati inseriti nel Patto di stabilita' in maniera sbagliata sia dal punto di vista finanziario, sia politico istituzionale'', ha affermato Cosimi in riferimento alla situazione di estrema difficolta' che attraversano i piccoli comuni italiani. ''Finanziariamente - ha aggiunto il sindaco di Livorno - in questo modo si paralizzano amministrazioni che gia' hanno grandissime difficolta' , mentre dal punto di vista politico - istituzionale, se vogliamo spingere i piccoli comuni ad avere una aggregazione per funzioni dobbiamo dare loro elementi incentivanti per poter spendere in maniera positiva sui propri territori''. ''La cosa che chiederemo con forza con questa Assemblea - ha proseguito Cosimi - e' l'immediata cancellazione del Patto di stabilita' interno per i piccoli comuni, non e' possibile immaginare di sottoporre alle stesse regole i piccoli Comuni e le grandi citta'''. In questo quadro, secondo Cosimi ''bisogna costruire una situazione di assoluta novita', aiutare il percorso verso le unioni di comuni, aiutare chi vuole la fusione, aiutare a costruire le possibilita' di dare servizi ai propri cittadini. I piccoli comuni non chiedono niente di piu' e chiedono il rispetto istituzionale. Le fusioni non possono realizzarsi come sistema di riduzione della rappresentanza, ma vanno decise dagli stessi territori, secondo le proprie esigenze. Nessuno puo' obbligare i comuni a fondersi''. Proprio in merito a unioni e fusioni di comuni Anci Toscana e regione Toscana (presente alla conferenza l'assessore regionale Vittorio Bugli) hanno condiviso un documento toscano in cui si chiede, in sintesi, al governo, di fornire gli strumenti e quelle flessibilita' necessarie a livello locale per chi decide di unirsi o fondersi. In particolare, secondo un comunicato congiunto di Anci Toscana e regione Toscana il ddl Delrio (rispetto al quale Anci Toscana e giunta regionale toscana stanno lavorando per predisporre un pacchetto di emendamenti) detta norme ''inadeguate ad affrontare importanti problemi organizzativi e finanziari sia nella fase di avvio sia in quella di consolidamento che, di fatto, impediscono il buon funzionamento delle unioni e per quel che attiene le fusioni non facilitano i movimenti dei nuovi comuni''.

com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4