lunedì 23 gennaio | 07:41
pubblicato il 13/gen/2016 17:57

Per unioni civili rinvio con polemica in Senato, riunioni Fi e Pd

Si continua a mediare, testo in aula il 28. Cei: sì legge ma no adozioni

Per unioni civili rinvio con polemica in Senato, riunioni Fi e Pd

Roma, 13 gen. (askanews) - Slittano le unioni civili in aula al Senato. Previste nell'agenda dei lavori per martedì 26 gennaio, lasciano il posto alla discussione e al voto sulla mozione di sfiducia di Fi e Lega Nord al governo in relazione alla vicenda banche. Per il momento l'approdo del ddl Cirinnà all'esame dell'assemblea è rinviato al 28 gennaio.

Polemiche le opposizioni. "Le unioni civili per ora sono state spostate per l'esame al 28 gennaio. Ma poi chissà. State certi che spunterà qualche altra cosa", ha detto la presidente dei senatori Sel, Lorendana De Petris, denunciando la "grave forzatura" della maggioranza che ha inserito nel calendario il ddl Boschi sulle riforme costituzionali per martedì 19, con il conseguente slittamento del rinnovo delle presidenze delle commissioni al 21 gennaio e il ddl sulle unioni civili al 28. Le ha fatto eco la collega Petraglia: "E' evidente che l'impedimento è dovuto dalle trattative in corso nella stessa maggioranza per modificare in peggio il testo del ddl Cirinnà".

Prosegue, dunque, il tentativo di mediazione sui nodi del ddl, a cominciare da quello della stepchild adoption, che consente l'adozione del figlio biologico del partner. Norma contro invisa ai cattolici dem e ai centristi di Area popolare.

Stasera, intanto, Silvio Berlusconi riunirà i parlamentari di Fi per decidere il da farsi: il partito è diviso e proprio ieri Daniela Santanché aveva chiesto al leader azzurro di tornare sulla decisione di lasciare libertà di coscienza. L'idea per uscire fuori dall'impasse - viene spiegato - potrebbe essere quella di dare un guidizio negativo sul ddl Cirinnà lasciando tuttavia ai singoli la facoltà di esprimersi secondo coscienza. Prevista anche una riunione di deputati e senatori verdiniani.

Dalla prossima settimana, il 19 e il 26, si riuniranno i senatori del Pd per concordare la linea da portare in aula, cercando l'accordo con quella parte dei dem che non vuole sentire parlare di alcune delle norme contenute nel ddl.

Ad animare il dibattito sulle unioni civili, poi, anche la posizione del segretario della Cei, monsignor Galantino. Su questi temi, ha spiegato il rappresentante dei vescovi, "tra i cattolici ci sono posizioni diverse, ma nessuno di noi auspica una legge che, per garantire i diritti dei singoli e per rispondere a situazioni reali, rischia di stravolgere la realtà. E la realtà è quella di una società italiana che può e vuole contare sul bene inestimabile della famiglia composta da un padre, una madre e dei figli. Certo, la stessa società registra al suo interno anche la presenza crescente di unioni di segno diverso. Lo Stato ha il dovere di dare risposte a tutti, nel rispetto del bene comune prima e più che del bene dei singoli individui".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4