domenica 04 dicembre | 01:17
pubblicato il 20/giu/2011 19:57

Per Pdl rebus odg su ministeri, senza ok Lega rischio sconfitta

Cicchitto media con Alemanno,poi vede Reguzzoni. Premier irritato

Per Pdl rebus odg su ministeri, senza ok Lega rischio sconfitta

Roma, 20 giu. (askanews) - La parola d'ordine è mediare per evitare che il 'caso ministeri' deflagri. Il problema, però, è che molti settori del Pdl si sono spinti parecchio avanti e una marcia indietro ora avrebbe il sapore della figuraccia. Il rebus, per il Pdl, è in sintesi questo: le opposizioni hanno presentato tre odg 'pro Roma' e 'anti lega', che risultano potenzialmente appetibili per l'ala romana del Pdl. Per evitare che la maggioranza venga battuta - con conseguente grana politica con la Lega - Fabrizio Cicchitto ha incontrato stamane Gianni Alemanno. Ipotizzando di recepire in un ordine del giorno alcune delle istanze del Pdl romano. Ma questa soluzione presenta una controindicazione: allo stato non gode di una potenziale maggioranza parlamentare. La Lega, infatti, difficilmente può accettare una mediazione al ribasso che indichi nelle sole sedi di rappresentanza il frutto del pressing del Carroccio sui ministeri. Per questo il capogruppo del Pdl a Montecitorio ha incontrato stasera Marco Reguzzoni, Presidente dei deputati leghisti, con il difficile obiettivo di risolvere il rebus. Un ordine del giorno comune è di difficile stesura e, al momento, nessun odg (di maggioranza come di opposizione) gode di numeri tali da ottenere l'approvazione del Parlamento. A meno che Cicchitto non riesca nell'impresa di tenere uniti Pdl, Lega e pidiellini romani. In caso contrario, l'unico odg capace di coagulare una maggioranza parlamentare rischia di diventare uno di quelli presentati dall'opposizione. Da Palazzo Grazioli, intanto, trapela una forte irritazione del premier per l'atteggiamento del sindaco di Roma. Voci non confermate riferiscono di un contatto telefonico tra il primo cittadino della Capitale e il premier, nel corso del quale Berlusconi avrebbe invitato con decisione Alemanno a accettare una mediazione ragionevole per il bene della maggioranza. Di certo c'è che anche di questo si discuterà stasera nel vertice convocato dal Presidente del Consiglio nella sua residenza romana. E' possibile infine che sull'esito della partita influisca anche la tempistica: il voto sugli odg si terrà dopo quello sulla fiducia al dl sviluppo, nei minuti in cui è previsto l'intervento del Cavaliere a Palazzo Madama. E ogni sua parola potrebbe favorire (o sfavorire) il raggiungimento di un'intesa nel centrodestra sul 'caso ministeri'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari