giovedì 23 febbraio | 00:13
pubblicato il 31/mag/2016 19:13

Per l'Antimafia sono 14 gli "impresentabili" alle Comunali

Bindi: liste civiche varco per mafie. A Roma liste Campidoglio ok ma quadro Municipi "non rassicurante"

Per l'Antimafia sono 14 gli "impresentabili" alle Comunali

Roma, 31 mag. (askanews) - Sono 14 i nomi dei candidati alle comunali del 5 giugno che la commissione Antimafia ritiene impresentabili nei 13 comuni al voto del 5 giugno monitorati. Lo ha reso noto la presidente, Rosy Bindi, presentando il risultato delle verifiche della Commissione parlamentare antimafia sulle liste e candidature in vista delle elezioni amministrative. Per quanto riguarda queste 14 posizioni, ha spiegato Bindi, sono "state riscontrate irregolarità", di cui otto per incandidabilità in base alla legge Severino.

La presidente dell'Antimafia ha fatto osservare come "le liste civiche, fatte nel modo che abbiamo rilevato nei comuni che abbiamo preso in esame, siano un varco per le mafie è indubbio: non voglio delegittimare i tentativi dei partiti di trovare nelle liste civile una capacità di riscatto, ma che ci sia il 100% di liste civiche in quasi tutti i comuni sciolti per mafia qualcosa vuol dire".

"Abbiamo preso in considerazione - ha riferito la presidente dell'Antimafia- 3.275 posizioni, di cui circa 2.200 solo nel comune di Roma, tra candidati al consiglio comunale e nel sesto municipio". E "i candidati al consiglio comunale di Roma sono tutte situazioni che non si discostano dalle norme della legge Severino e del codice di autoregolamentazione". E questo, dopo Mafia Capitale, "è un dato consolante". Anche se a Roma, in vista delle prossime elezioni comunali, è stato accertato un "esiguo numero, rispetto a oltre duemila candidati, di soggetti riconducibili alle fattispecie della legge Severino e del codice di autoregolamentazione" e "deve segnalarsi che il quadro generale" della Capitale "non appare egualmente rassicurante".

Tra le oltre 9 mila candidature (considerando anche i 14 municipi, con 321 liste ammesse, per i quali sono stati presentati 8.018 candidati), l'Antimafia si è soffermata su quelle relative al Consiglio comunale (1532 candidati), alla presidenza dei municipi (130 candidati) e al consiglio del VI Municipio (551 candidati), per un totale di 2.213 posizioni (di cui 13 candidati sindaco).

Dall'analisi svolta, la Commissione ha rilevato "pochi casi" di candidati rientranti nel disposto della legge Severino o del codice di autoregolamentazione: in particolare per quanto riguarda il VI Municipio - periferia Est della capitale, che comprende alcuni quartieri "difficili", anche noti alle cronache nere come Tor Bella Monaca - 2 candidati violano i parametri della legge Severino (uno per incandidabilità e uno per potenziale ineleggibilità), mentre altri 2 violano il Codice di autoregolamentazione della commissione; nel Consiglio comunale invece è stata rilevata una sola violazione in base al Codice di autoregolamentazione.

"I candidati del Consiglio comunale di Roma - ha comunque sottolineato la presidente della Commissione, Rosi Bindi - sono tutte situazioni che non si discostano dalle norme della legge Severino".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech