domenica 04 dicembre | 13:12
pubblicato il 21/apr/2016 15:01

Per Fi resta il nodo Roma. Partito si spacca, Cav prende tempo

"Gatta da pelare, o ci indeboliamo o mettiamo a rischio alleanza"

Per Fi resta il nodo Roma. Partito si spacca, Cav prende tempo

Roma, 21 apr. (askanews) - Uno scontro tra i filo-alleati e "indipendentisti". O se si preferisce tra romani e non, tra esponenti del Nord e del Sud. L'ufficio di presidenza di Forza Italia convocato per sciogliere il nodo del candidato sindaco di Roma non risulta decisivo, se non a certificare la spaccatura del partito in due anime.

Finisce che si decide di dare a Silvio Berlusconi il mandato a sbrogliare la matassa e ad incontrare tutti, a cominciare dai due leader del centrodestra, Giorgia Meloni e Matteo Salvini, per capire se è possibile confluire su un candidato unico. Ma nel parlamentino di palazzo Grazioli i toni tra le opposte fazioni sono tutt'altro che concilianti. Si fa fatica, viene raccontato, anche a redigere un documento finale perché Paolo Romani (a favore di una convergenza sulla leader di Fdi) e Antonio Tajani (capofila di chi chiede di restare su Bertolaso o al massimo virare su Marchini) arrivano a parlarsi in modo alquanto concitato. Tutto questo, mentre al piano superiore di palazzo Grazioli, stazionava Guido Bertolaso.

Pare che Berlusconi, durante il comitato di presidenza, abbia ascoltato molto e parlato poco. "Speravo decideste voi - avrebbe detto - ma vedo che questo non è possibile. Accetto il mandato che mi date ma è una bella gatta da pelare. Se rinunciamo a sostenere Bertolaso ci indeboliamo, ma se non teniamo unito il centrodestra rischiamo di non riuscire a costruire un'alternativa. D'altra parte, i sondaggi a livello nazionale dicono che il Pd è al 30%, il M5s al 28% e il centrodestra unito al 32%".

Insomma, il Cavaliere si prende ancora un po di tempo e, a questo punto, non sembra preclusa nessuna possibilità. Nemmeno quella di una convergenza su Alfio Marchini che, di certo, andrebbe molto più a genio alla maggior parte degli azzurri romani se proprio si dovesse decidere di mollare l'ex capo della Protezione civile.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari