sabato 03 dicembre | 15:16
pubblicato il 19/ago/2014 19:41

Pensioni: D'Ambrosio Lettieri (FI), no altra tassa che impoverisce

(ASCA) - Roma, 19 ago 2014 - ''Non bastavano le tasse sulla casa, sul risparmio, e pure sui telefonini. Non contento, sembra che il governo Renzi stia studiando un provvedimento che se la prende nientemeno che con i pensionati, colpendo ancora una volta la cosiddetta classe media, quella che gia' sta scomparendo sotto i colpi di politiche economiche scellerate e recessive''. Lo dichiara in una nota il senatore Luigi D'Ambrosio Lettieri, capogruppo FI in Commissione Igiene e Sanita' a Palazzo Madama.

''Le pensioni d'oro che il governo intenderebbe colpire sarebbero anche quelle lorde da 2500 euro mensili che, al netto delle ritenute, non arrivano ai duemila euro. A parte che una pensione di duemila euro non puo' dirsi d'oro, considerato il costo della vita e anche il fatto che spesso questi introiti servono a mantenere anche i figli disoccupati e magari anche le loro famiglie, e' proprio il principio ad essere totalmente errato, oltre che inutile e deleterio ai fini del rilancio dell'economia e alla creazione di nuovi posti di lavoro. Per farlo - aggiunge -, occorre abbassare le tasse con strumenti coraggiosi che aggrediscano le sacche degli sprechi, diminuiscano l'Iva, l'Ires e l'Irap e il costo del lavoro, aumentando le risorse in busta paga, liberino le famiglie da tasse ignobili come quella sulla prima casa e sulle cure mediche e diagnostiche''. ''Ci vuole piu' coraggio in Europa, meno show e piu' fatti, invece di scatenare una guerra tra poveri e spacciare un'altra tassa con un non meglio precisato contributo di solidarieta'. Sinora il governo e la sua maggioranza hanno fatto solo un gran baccano sulla riforma del Senato. Che non produrra' affatto risparmi. Anzi. Mentre si tralasciano le vere centrali degli sprechi, a cominciare dalle municipalizzate o partecipate. Alcune sono delle vere e proprie fabbriche di clientele. Renzi non cambia verso. Per niente. Il suo non e' un linguaggio di verita', ma ha tutta l'aria di essere quello usato nelle pubblicita' ingannevoli'', conclude d'Ambrosio Lettieri. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari