sabato 25 febbraio | 08:24
pubblicato il 12/set/2013 15:31

Pensioni: Brunetta, Grillo e' ridicolo, torni a fare il comico

Pensioni: Brunetta, Grillo e' ridicolo, torni a fare il comico

(ASCA) - Roma, 12 set - ''Era ora. Grillo passa dallo spettacolo ai numeri. Cosi' se la prende con me convinto di poter usare i dati sulle pensioni come un manganello.

Poveretto. Sappia allora il collega Grillo che le sue valutazioni sono ridicole e risibili. Costruisce tesi da osteria applicando un curioso criterio di giustizia, secondo cui chi ha dato ha dato, e peggio per lui. Dunque chi ha versato molto, resti pure gabbato. Chi ha versato poco all'Inps, continui pure a incassare anche sopra quanto direbbe il calcolo dei rendimenti, purche' il furto si fermi alla soglia stabilita da Grillo chissa' perche' in 5 mila euro. Queste tesi obbediscono a criteri totalmente anticostituzionali e negano qualsiasi precetto di sana economia e di tenuta della convivenza sociale. Sembrano nati dalla testa di un dittatore di Bananas''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Cambi suggeritore, scelga meglio i suoi consulenti: le conviene nel frattempo tornare a fare il comico, perche' gli unici numeri su cui va forte sono quelli in cui strabuzza gli occhi. Se vuole continuare a fare politica, dovrebbe almeno conoscere le regole elementari del Paese in cui vive, specie se pretende di cambiarle. Il livello delle singole pensioni, in Italia, e' regolato da diversi elementi: l'entita' dei contributi versati nel corso di tutta la vita lavorativa, il meccanismo di valorizzazione degli stessi (identico per tutti i cittadini, salvo qualche limitata eccezione), gli anni di meritato riposo. Combinando questi tre diversi elementi - continua Brunetta - si giunge, alla fine, a calcolare l'entita' della pensione. Se i contributi versati sono stati pochi e per poco tempo, la pensione e' inevitabilmente bassa.

Ed il contrario si verifica se i versamenti sono stati elevati, per un numero maggiore di anni. Nel sistema retributivo (in voga prima della riforma Dini), il meccanismo di calcolo era molto piu' generoso. In quello contributivo, l'attuale, l'eguaglianza finanziaria - attuariale e' invece molto piu' rigorosa. Il passaggio dal primo sistema al secondo, e' avvenuto salvaguardando, per quanto possibile, le scelte di vita, compiute in passato, da ciascun cittadino al fine di garantire la necessaria gradualita'. Regola che oggi Grillo contesta ipotizzando una sorta di esproprio proletario''. ''Le pensioni minime vanno aumentate, per ragioni d'equita'? Assolutamente si. Ma Grillo, che incita i suoi all'ostruzionismo in difesa dell'attuale Costituzione e li obbliga a notti passate all'agghiaccio, dovrebbe conoscere il contenuto dell'articolo 53. La progressivita' deve essere caratteristica del sistema fiscale. Ne deriva che se si vuol aumentare il livello delle pensioni minime, esso deve essere posto a carico della fiscalita' generale, come piu' volte sostenuto dalla Consulta. Faccia quindi pace con se stesso, invece di occuparsi di cose che non conosce'', conclude Brunetta.

com-ceg/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech