lunedì 05 dicembre | 04:11
pubblicato il 03/set/2013 15:02

Pensioni: Brunetta a Giovannini, pensioni argento? Sistema in equilibrio

Pensioni: Brunetta a Giovannini, pensioni argento? Sistema in equilibrio

(ASCA) - Roma, 3 set - ''In tema di pensioni d'oro e pensioni d'argento, al buon ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Enrico Giovannini, ricordiamo quel vecchio adagio popolare che invita a non perseguire il meglio che, a volte, puo' essere nemico del bene''. Risponde cosi' il capogruppo alla Camera del Pdl, Renato Brunetta, alle dichiarazioni di alcuni giornio fa del ministro del lavoro, Enrico Giovannini, il quale considerava l'ooportunita' di invtervenire non solamente sulle cosiddette pensioni d'oro, che non sono numericamente rilevanti, ma anche su quelle 'd'argento'. ''Dal punto di vista macroeconomico, il sistema pensionistico italiano, salvo qualche coda su cui si sta lavorando, non solo e' in equilibrio, ma rappresenta una delle soluzioni piu' avanzate rispetto ai parametri europei'', afferma Brunetta, secondo il quale ''qualsiasi ulteriore intervento non puo' aggirare i parametri giuridici fissati dalla recente sentenza della Corte Costituzionale secondo cui non sono ammissibili misure che non abbiano un contenuto universale. Che non riguardino, cioe', l'intero sistema pensionistico. Ne deriva che nessun ulteriore balzello puo' essere posto a carico di questa o di quella categoria di pensionati''. ''Dati questi presupposti - aggiunge - se non vuol fare demagogia, al ministro Giovannini non resta che intestarsi il tentativo di un'ennesima riforma complessiva di tutto l'impianto. Auguri. Noi, invece, rimaniamo con i piedi per terra, pur consapevoli dei grandi squilibri sociali che caratterizzano il sistema pensionistico italiano. Ma come misurarli? E' maggiore il privilegio di chi gode di una pensione elevata, ma ha versato contributi per 40 anni di attivita' lavorativa, con una speranza di vita di 20 anni, oppure il baby-pensionato, che ha versato contributi per meno di 20 anni e percepisce una pensione, seppure contenuta, che si trascina per oltre 40 anni?''. ''Purtroppo le regole attuariali non lasciano grande spazio alla fantasia, ne' agli atteggiamenti caritatevoli - prosegue l'esponente del Pdl - Se il ministro vuole cimentarsi con questi problemi, si accomodi. Ma per quanto ci riguarda non faremo sconti a forme di ingiustificata ed iniqua caccia alle streghe. Brunetta quindi conclude: ''Certamente il professor Giovannini sapra' che tutte le pensioni in essere in Italia sono da considerarsi ''privilegiate', in quanto la rendita pensionistica e' sempre superiore ai contributi versati. Per il principio costituzionale sopra enunciato, quindi, ogni intervento deve avere una applicazione universale. Ne deriva che se si adottasse fino in fondo il metodo Giovannini, cioe' quello dell'equivalenza tra contributi versati e rendita pensionistica, noi dovremmo tagliare tutte le pensioni e, con grande sorpresa, a partire da quelle di anzianita' e da quelle sociali, che in genere hanno un livello di intervento dello Stato maggiore, nonostante gli importi modesti. E' questo che il ministro vuole?''.

com-sgr/cam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari