lunedì 05 dicembre | 15:49
pubblicato il 07/ago/2014 19:38

Pell: Papa vuole Chiesa povera, non derubata o con forzieri vuoti

Il segretario dell'Economia: possibili prepensionamenti, no purga (ASCA) - Citta' del Vaticano, 7 ago 2014 - Papa Francesco vuole una "Chiesa povera per i poveri", ma cio' "non significa necessariamente una Chiesa con i forzieri vuoti e certamente non significa una Chiesa sciatta o inefficiente o disposta a farsi derubare". Un mese dopo la presentazione del "nuovo quadro economico della Santa Sede", concernente una serie di cambiamenti alle strutture finanziarie, il cardinale George Pell, prefetto della Segreteria per l'economia, ha illustrato l'importanza di tali riforme e delle sfide per la loro attuazione in un'intervista alla Cns, l'agenzia statunitense Catholic News Service, ampiamente riportata dall'Osservatore Romano.

Il cardinale Pell spiega, in merito ad una prospettata riduzione del personale, che e' "possibile" che il nuovo management vaticano offrira' "pacchetti di prepensionamento per coloro che vogliono ricorrervi" ma "non ci sara' nessuna grande purga".

Dopo aver ripetuto che Papa Francesco "sostiene chiaramente" questo progetto, il porporato si sofferma sul maggior equilibrio tra laici ed ecclesiastici realizzato all'interno delle realta' finanziarie e amministrative. E parla del Consiglio per l'economia, "l'ente che fa le politiche" economiche, definendolo "una sorta di senato accademico, che permette di separare i poteri e distribuire le autorita', per cui - precisa - sarebbe impossibile a una sola persona, me incluso, di avere una sorta di controllo dittatoriale". Lo stesso puo' dirsi del rapporto con la Segreteria di Stato, per il quale il cardinale Pell rimanda a una possibile analogia con il sistema di Westminster, dove coesistono le figure del primo ministro e del tesoriere. Il prefetto invita poi a riflettere sul fatto che comunque i soldi non sono il lavoro piu' importante per la Chiesa. Ma avverte: "Se bisogna aiutare i poveri, dobbiamo avere i mezzi per farlo. E meglio gestiamo le nostre finanze, piu' opere buone possiamo svolgere".

Tra le novita' annunciate dal prefetto, la nomina entro la fine dell'anno di "un uditore indipendente, al quale chiunque possa rivolgersi".

Ska

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari