lunedì 05 dicembre | 03:34
pubblicato il 19/mag/2011 20:30

Pedofilia/Rapporto Chiesa Usa:Causa né omosessualità né celibato

Picco dopo il '68 mentre in società aumentano divorzio e devianze

Pedofilia/Rapporto Chiesa Usa:Causa né omosessualità né celibato

Roma, 19 mag. (askanews) - Un poderoso studio statistico sulle 'cause e il contesto degli abusi sessuali sui minori da parte dei preti cattolici negli Stati Uniti dal 1950 al 2010', commissionato dalla Conferenza episcopale Usa, realizzato dal John Jay College of Criminal Justice di New York e pubblicato in questi giorni a Washington, smentisce alcuni luoghi comuni quali la correlazione tra la pedofilia e l'omosessualità o la pedofilia e il celibato e punta invece l'attenzione sul contesto sociale della 'rivoluzione' del 1968 e sulla formazione dei preti. Il rapporto precisa che non c'è "nessuna singola causa identificabile per i comportamenti abusivi nei confronti dei minori". Lo studio esclude il fatto che, a dispetto di "diffuse speculazioni", sia "significativamente più probabile" che a compiere gli abusi sui minori siano sacerdoti omosessuali rispetto ai sacerdoti eterosessuali (un possibile motivo del fatto che un gran numero di abusati siano di sesso maschile è solo il più facile accesso a loro da parte dei sacerdoti). Viene escluso anche il celibato come causa della pedofilia: "Sempre presente nella Chiesa cattolica dall'undicesimo secolo - vi si legge - non può essere considerata una causa per l'aumento e il successivo declino degli abusi dagli anni sessanta a tutti gli anni ottanta". Inoltre, "la maggioranza degli abusatori (70%) è stata ordinata prima degli anni Settanta" e il 44% è divenuta sacerdote prima del 1960, e dunque prima anche del Concilio vaticano II. Anche se il numero di denunce per pedofilia è aumentato solo negli ultimi anni, l'andamento degli abusi è a campana, con un aumento contante dall'inizio degli anni Sessanta per tutti gli anni Settanta, un picco negli anni 1975-1979 (1.757 casi) e un declino ininterrotto negli anni ottanta. Lo studio, realizzato tramite formulari inviati a tutte le diocesi degli Stati Uniti (ha risposto il 97% di esse) e agli ordini religiosi, registra un numero complessivo di abusi, dal 1950 al 2002, di 4.392 preti pedofili su un totale di 109.694. Il numero di preti accusati è dunque del 4 per cento. La maggiora parte delle vittime (51%) aveva un'età compresa tra gli 11 e i 14 anni. Lo studio, peraltro, afferma che non è "né possibile né desiderabile mettere in pratica restrizioni ampie tra minori e preti dato che la maggior parte di preti non ha abusato sessualmente dei minori". Diverse le cause individuate dal rapporto Usa per spiegare l'andamento degli abusi sessuali sui minori. "L'aumento di frequenza negli anni Sessanta e Settanta è coerente con la tendenza di un aumento della devianza nella società di quel tempo, come l'uso della droga e il crimine", ha spiegato Karen Terry, principale responsabile dello studio, sottolineando che negli stessi anni è aumentato, negli Usa, il sesso pre-matrimoniale e i divorzi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari