lunedì 23 gennaio | 00:11
pubblicato il 17/ago/2011 15:52

Pedofilia/ Vaticano pubblica documenti di difesa su caso in Usa

Abuso compiuto nel '65 da sacerdote, "calunnie contro S. Sede"

Pedofilia/ Vaticano pubblica documenti di difesa su caso in Usa

Città del Vaticano, 17 ago. (askanews) - Su uno dei casi più dibattuti di pedofilia del clero negli Stati Uniti il Vaticano pubblica online alcuni documenti interni per contestare l'accusa di corresponsabilità formulata in tribunale dagli avvocati della vittima. La causa 'Doe versus Holy See' "è in corso davanti a un Tribunale statunitense di prima istanza nello Stato dell'Oregon", ricorda 'Radio vaticana'. "Il caso riguarda un sacerdote religioso, Andrew Ronan, che nel 1965 compì un abuso nei confronti di un diciassettenne a Portland, nell'Oregon. Mentre la gran parte delle accuse presentate dagli avvocati della vittima sono già state ricusate, ne sono rimaste ancora due, riportate ripetutamente dalla stampa: cioè che la Santa Sede sapeva che Ronan era un abusatore, e che - pur sapendo di questo fatto - la Santa Sede lo trasferì da un luogo a un altro. Sarebbero naturalmente accuse molto gravi, se fossero vere. Ma, come apprendiamo dagli sviluppi del caso, queste accuse sono certamente non vere". "Per contribuire allo studio attento della materia da parte di chi lo desidera, e per aiutare il tribunale statunitense a risolvere le questioni ancora aperte su questo caso - prosegue l'emittente pontificia - la Santa Sede rende pubblica oggi una documentazione su Ronan, in particolare sulla sua dimissione dallo stato clericale. Questi documenti sono pubblicati sul Sito della Radio Vaticana a un preciso indirizzo e sono quindi a disposizione della consultazione pubblica (http://www.radiovaticana.va/pdf/documents_Doe_v_Holy_See.pdf)". Oltre a questi documenti, l'avvocato Jeffrey S.Lena, che rappresenta la Santa Sede nella causa, ha pubblicato una dichiarazione che "sottolinea la falsità delle accuse contro la Santa Sede". Come nota Lena, "i documenti rilasciati dimostrano che la Santa Sede venne informata sul grave comportamento di Ronan solo dopo il caso di abuso in questione, e che non fu mai coinvolta in alcun trasferimento di Ronan". L'avvocato della Santa Sede definisce le accuse contro la Santa Sede come "calunniose" e afferma che i legali della vittima, che hanno insistito in queste accuse, hanno "ingannato il pubblico" e "abusato del sistema legale". Commentando la questione con la 'Radio Vaticana', Lena ha affermato che "mentre il sistema giudiziario talvolta opera lentamente, questi documenti potranno contribuire ad una conclusione più rapida del caso". Infine, ha aggiunto che la pubblicazione oggi di questi documenti dovrebbe "calmare quelle persone che sono fin troppo pronte a rilasciare commenti sensazionali e non equilibrati, senza preoccuparsi di una conoscenza adeguata dei fatti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4