martedì 06 dicembre | 09:34
pubblicato il 14/set/2011 09:37

Pedofilia/ Avvenire: Una follia denunciare il Papa

Denuncianti cercano sollo pubblicità e soldi su pelle vittime

Pedofilia/ Avvenire: Una follia denunciare il Papa

Roma, 14 set. (askanews) - "Enorme piccineria". Così Avvenire, il quotidiano della Cei, definisce in un editoriale la denuncia del Papa e dei cardinali Sodano, Bertone e Levada alla corte penale internazionale dell'Aja con l'accusa di stupro, violenza sessuale e tortura per aver "tollerato e permesso" abusi sessuali sui minori. "Non è la trama di un fantathriller - scrive il giornale dei vescovi - e se non ci fosse di mezzo l'orrore per quella che lo stesso Benedetto XVI ha definito una tragedia, ci sarebbe solo da buttarla sul ridere, tanto scoperta, smaccata, è la strategia mediatica scelta dai denuncianti (l'associazione statunitense di vittime di preti pedofili Snap e il Center for Constitutional Rights) per alzare il livello dello scontro. Che, tanto per chiamare le cose con il loro nome, significa pubblicità e soldi. Non a caso i due organismi hanno già annunciato un tour europeo di sensibilizzazione. Da farsi cadere le braccia di fronte all'enormità di una tale piccineria". "Ma - osserva Avvenire - di mezzo ci sono le vittime, dalla cui parte, proprio per volontà di Benedetto XVI la Chiesa si è schierata senza se e senza ma e pronta a pagare per questo il prezzo della vergogna gettata sulla Chiesa stessa dai colpevoli, sacerdoti indegni del loro ministero. Le stesse vittime che oggi rischiano di essere nuovamente straziate da cinici e scaltri azzeccagarbugli che provano a rendere più grasso il piatto dei rimborsi da chiedere in sede civile". "Una follia - insiste il quotidiano della Cei - tanto più che con tutta evidenza mai bersaglio poteva essere più sbagliato. Perché il 'denunciato' Papa Benedetto è lo stesso che, ancora cardinale, col suo predecessore Giovanni Paolo II iniziò l'era della tolleranza zero riguardo a questo odioso crimine. Di che si parla allora? Delle capziosità giuridiche che tentano di far rientrare dalla finestra un principio di responsabilità stiracchiato quasi all'infinito, già rifiutato dalle giurisprudenze di mezzo mondo? O dell'infinita tristezza, meschinità, di chi, non esitando a tirare fango sulla figura stessa del Papa per uno scoperto tornaconto, torna a violentare le stesse vittime di ieri colpendo proprio chi con tanta incrollabile passione se n'è fatto difensore?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari