venerdì 20 gennaio | 23:39
pubblicato il 06/nov/2013 14:42

Pedemontana: Zaia a Letta, senza fondi Stato costretti ad interrompere

(ASCA) - Venezia, 6 nov - Il Commissario Delegato della Superstrada Pedemontana Veneta ha recentemente erogato 11 milioni e 616 mila euro per pagare l'ultima fattura emessa dal Concessionario che sta realizzando l'opera. Poiche', onorata questa tranche non sono disponibili altri fondi, se, nonostante i ripetuti solleciti delle Regione, non si provvedera' subito a corrispondere il contributo statale previsto dai Decreti Interministeriali, i lavori dovranno essere inevitabilmente sospesi, procurando un gravissimo danno all'economia e all'occupazione della nostra Regione. E' questo il succo della lettera che il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha inviato al Presidente del Consiglio, Enrico Letta, invitandolo a onorare gli impegni assunti da Roma per la costruzione del nuovo e fondamentale asse viario, i cui lavori sono iniziati due anni fa, nel novembre del 2011.

Per la realizzazione della Pedemontana, scrive Zaia nella lettera, la quota di contributo pubblico in conto capitale e' assicurata dai fondi statali assegnati alla Regione sulle annualita' comprese tra il 2002 e il 2016. Ma il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha trasferito solo le risorse relative al 2002, 2010, 2011 e 2013, per complessivi 76 milioni e 924 mila euro, con i quali la Regione ha garantito sino a ora la regolarita' dei pagamenti al Concessionario, nei tempi contrattualmente previsti. Il problema, sottolinea Zaia, riguarda la mancata reiscrizione a bilancio 2013 delle somme perenti, seppur con nota del 13 giugno scorso, in considerazione dell'avanzamento dei lavori, abbia sollecitato il Ministero a iscrivere i contributi riferiti alle annualita' 2003, 2004 e 2005, per circa 61,9 milioni di euro.

''Non possiamo assolutamente permettere che i cantieri si fermino - ammonisce Zaia - e mi auguro che il Presidente Letta intervenga autorevolmente, insieme ai ministri Saccomanni e Lupi, ai quali ho fatto pervenire copia della missiva, per scongiurare questo pericolo. Stiamo parlando di un'opera strategica per una delle aree produttive tra le piu' importanti d'Italia, che garantira' sicurezza della mobilita' e che vede oggi impegnati centinaia di lavoratori.

Insomma, una preziosa boccata d'ossigeno in un momento di pesante crisi economica''.

La realizzazione della Superstrada a pedaggio e' prevista con un progetto di finanza, per un costo complessivo che si aggira attorno ai 2 mila e 130 milioni di euro, parzialmente coperto da un contributo pubblico in conto capitale di oltre 173 milioni di euro. Il percorso di oltre 94 chilometri colleghera' il casello autostradale di Montecchio Maggiore sulla A4, in provincia di Vicenza, a quello di Spresiano, sulla A27, in provincia di Treviso.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4