martedì 21 febbraio | 13:58
pubblicato il 22/giu/2011 21:17

Pedaggi/ Zingaretti: Castelli altrove un attacchino, qui governa

Il presidente della Provincia Roma: è solo un oligarca invidioso

Pedaggi/ Zingaretti: Castelli altrove un attacchino, qui governa

Roma, 22 giu. (askanews) - "Il viceministro Castelli non l'hanno voluto neanche quelli del suo Comune: le sue opinioni contano poco perché per fortuna rappresenta un'oligarchia minoritaria e invidiosa. La stravaganza è che un tipo del genere che in qualsiasi paese del mondo potrebbe fare a malapena l'attacchino, qui, grazie alla destra, fa parte del Governo". Lo ha affermato il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, dopo le accuse di 'arretratezza culturale' del viceministro leghista ai romani per la contrarietà al pedaggio per il Gra. "E' il segno - ha aggiunto Zingaretti- dell'inadeguatezza di questa classe politica che per rimanere attaccata alle poltrone sta danneggiando le famiglie italiane. Il minimo che dovrebbe chiedere la sua maggioranza sono le dimissioni, ma non lo faranno perché si ricattano l'un l'altro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia