lunedì 05 dicembre | 15:43
pubblicato il 21/ott/2012 12:32

Pd/Renzi: Se perdo nessun premio di consolazione o nuovo partito

La nostra non è' una battaglia per le poltrone

Pd/Renzi: Se perdo nessun premio di consolazione o nuovo partito

Torino, 21 ott. (askanews) - Se perderà le primarie del Pd, Matteo Renzi non intende fondare alcun nuovo partito, ne' prendere "premi di consolazione", facendo il ministro o il sottosegretario. Lo ha assicurato a Torino, alla convention, in corso al PalaIsozaki. "Se perderemo, non scateneremo alcuna guerra. Non abbiamo niente da chiedere e molto da dare" ha proseguito il sindaco di Firenze. "Quando mi chiedono: farai un tuo partito, se perdessi? Io rispondo: Ma stiamo scherzando. Quando si perde non si scappa col pallone sotto il braccio. Si può perdere, ma non si può' perdere la faccia" ha detto Renzi, dal palco del PalaIsozaki di Torino, dove ad ascoltarlo ci sono migliaia di persone. "Se perderò' non farò' né' il ministro, ne' il sottosegretario, ne' il parlamentare. Non voglio nessun premio di consolazione, la nostra non è una battaglia per le poltrone" ha concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari