lunedì 05 dicembre | 22:09
pubblicato il 09/giu/2011 09:15

Pdl/Miccichè se ne va: non è più un partito, ora nasce Lega Sud

Con lui andrebbero 10 deputati e 4 senatori:stuiffi succubi Bossi

Pdl/Miccichè se ne va: non è più un partito, ora nasce Lega Sud

Roma, 9 giu. (askanews) - Il Sottosegretario Gianfranco Miccichè lascia il Pdl e il movimento 'Forza del Sud' diventerà presto partito autonomo interno alla maggioranza di centrodestra ma antagonista e controbilanciatore del leghismo di cui Miccihè considera oggi il Pdl di Berlusconi essere "succube". Lo ha spiegato lo stesso Miccichè, in interviste e colloqui con diversi quotidiani pubblicati oggi, preannunciando quanto nelle prossime ore formalizzerà al Premier Silvio Berlusconi che del Pdl è il Presidente. E con lui, terremotando vieppiù i numeri in stabili della maggioranza in Parlamento, sarebbero pronti ad uscire dai gruppi del Pdl ben dieci deputati e quattro senatori. "Non si può più essere succubi dei capricci della Lega e dei capricci di Bossi. Noi oggi rimaniamo nella maggioranza ma - ha avvertito Miccichè dalle colonne de 'la Repubblica'- se prenderanno ancora in giro il Mezzogiorno ce ne andiamo". "I nostri voti in Parlamento non sono più scontati. Noi di 'Forza del Sud' - ha detto ancora più chiarmente intervistato dal Messaggero- siamo stanchi. Faremo capire che il Meridione c'e' e che deve contare". "Il Pdl - ha argomentato ancora il Sottosegretario al 'Riformista'- è un partito che non ha più contatto con il territorio. Non sono antileghista: sto costruendo, proprio sull'esempio di Bossi, una 'Lega del Sud' che controbilanci la politica antimeridionale del governo nazionale. E sono convinto che sfonderemo anche al Settentrione. Nè, tantomeno, sono contro Berlusconi: voglio semmai dare più forza alla sua coalizione. Berlsuconi oggi è ancora in campo e io sarò un suo alleato: ma prima di tutto sono un alleato delle ragioni del Sud". Da ultimo, "giuro - ha detto ancora Miccichè- di non avere proprio nulla contro Angelino Alfano, anzi. Il suo compito è immane, difficilissimo. Perchè il Pdl non è più un partito: ha perduto contatto con la gente e con la realtà; non è più nè strutturato nè articolato sul territorio, non interloquisce in alcun modo con il suo popolo",

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari